Incolumità individuale e collettiva sempre più a rischio

Anche le figure responsabili su cui puntare l’indice non possono scagliare la prima pietra

di Ernesto Bodini (giornalista e opinionista)

È inutile tergiversare, come è inutile ricalcare sulle notizie di cronaca nera dopo una prima volta divulgate: stanno sempre più aumentando gli esseri umani che non considerano minimamente la vita altrui e, del resto, per certi versi anche la loro. I pluri quotidiani fatti e misfatti contro il “patrimonio umano”, inteso come lesione alla persona e a tutto ciò che gli appartiene, sono la dimostrazione che non c’è più alcun “freno inibitore” relativamente al comportamento di molte persone che, in questo caso, definirei con l’appellativo di individui; come a voler degradare la loro entità umana tendente al più totale impoverimento… Ma ciò che più sconcerta, e quindi come aggravante, è il fatto che le figure preposte alla difesa della incolumità individuale e collettiva, non si prodigano nel modo più opportuno e determinante onde prevenire e porre fine a tali eventi. Da tempo ribadisco che nel nostro Ordinamento giudiziario di fatto non esiste la certezza della pena tanto da favorire il libero arbitrio e quindi il diffondersi della criminalità… chi delinque sa molto bene che può fruire dei tre gradi di giudizio, dei vari sconti di pena, dei rinvii, delle prescrizioni, dell’indulto e dell’amnistia, come anche dell’eventuale perdono a firma del Presidente della Repubblica. Da notare che un tempo il competente Dicastero era definito Ministero di Grazia e Giustizia, oggi “solamente” Ministero della Giustizia…; inoltre, in alcune Aule di Tribunale nella scritta: La Legge è uguale per tutti la è verbo non è accentata quindi si legge la e’ con la l’apostrofo, quindi come congiunzione. Questione di lana caprina? Forse, ma sta di fatto, estetica o meno, che un accento e un apostrofo fanno sempre una sostanziale differenza! Tutte garanzie, a mio avviso, di non poco rilievo che, se attuate, spesso riducono di molto l’entità della pena e in buona parte dei casi il reo non sarà mai riportato sulla retta via a causa della irriducibile tendenza alla recidiva. Tutto ciò non è da confondere con i soggetti più facilmente “rieducabili” che, alla luce dei fatti, sembrano essere sempre meno… nonostante il ruolo dei garanti dei detenuti e all’ impegno dei volontari che operano all’ interno delle carceri. E stando così le cose mi corre “l’obbligo” di richiamare l’attenzione sul ruolo della Magistratura che, come è noto, è il primo potere nel nostro sistema… democratico. Ma perché tale richiamo a codesto potere? Perché è proprio in virtù di questo potere che ai Giudici spetta l’ultima parola, anche a fronte di forti elementi a favore dell’inquisito e ad una arringa passionale e razionale del suo difensore. Ora, anche se nel corso delle diverse legislature molte sono state le posizioni di più politici invocando una maggior tutela della libertà individuale e collettiva, compreso lo storico referendum promosso (e mai approvato) dal radicale Pannella, per far riconoscere la responsabilità civile dei magistrati, a nulla si è addivenuti, anzi, la situazione si è incancrenita: si continua a delinquere sempre più, in quanto sono sempre più in aumento le vittime e le derivanti conseguenze: figli che diventano orfani, coniugi che diventano vedovi e ovviamente il precoce riconoscimento delle pensioni di reversibilità.

Insomma, una realtà che è paragonabile ad un vulcano in continua eruzione, la cui lava incandescente rischia di coinvolegere sempre più persone. Quindi, è evidente che ci sono delle responsabilità sia dirette che indirette, ma chi è deputato a puntare il dito indice verso chi dovrebbe tutelarci e invece è inerme o comunque poco efficiente? Personalmente non ho alcun ruolo in merito se non quello del diritto di opinione, ma sicuramente una idea me la sono fatta giungendo a questa convinzione: per nessuna ragione al mondo avrei intrapreso (e intraprenderei) il ruolo di Giudice sia per il gravoso onere, che in ossequio al detto latino: Qui sine peccato est vestrum, primus lapidem mittat, ossia “Chi è senza peccato scagli la prima pietra. E il fatto che errare è umano non si è certo giustificati nel perseverare, azione diabolica che ha portato e porta in carcere molte persone innocenti… e tante altre private dei propri diritti e della propria vita.

Il rispetto dei diritti umani. Un orizzonte ancora lontano e per alcuni una rinuncia

I diritti fondamentali dell’individuo, ma io insisto nel concetto di Persona, come quelli della liberta e della incolumità, sono beni impalpabili e preziosi il cui raggiungimento in molti Paesi (compreso il nostro) lo si è ottenuto con sacrifici e privazioni come la vita stessa di chi ci ha preceduto. Ma l’optimum non lo si è ancora raggiunto perché a parte il concetto di democrazia, resta ancora molto da fare per il rispetto del diritto alla tutela della propria vita; un obiettivo che sino a qualche decennio fa sembrava raggiunto ma con il passare degli anni l’orizzonte si va sempre più allontanando. E a me sembra che permanga tuttora l’inerzia o parziale passività di fronte e competenti reazioni delle più alte cariche istituzionali, mentre l’opinione pubblica più che manifestazioni di piazza non sa fare. Per una inversione di marcia si provi, ad esempio, a sollecitare i singoli cittadini a diffidare (individualmente e per iscritto) le Istituzioni dal continuare ad essere inottemperanti, così da responsablizzarle e obbligarle a dare conto della loro inefficienza! Ma finchè il popolo continuerà con sporadici sitin e inutili manifestazioni di piazza, la nostra esistenza sarà sempre più alla mercè di soprusi da parte di chiunque, e magari del vicino della porta accanto o peggio ancor del proprio familiare. Stiamo continuando ad assistere a un pressoché totale stravolgimento di valori, come se corruzione ed evasione avessero più importanza della soppressione di una vita. Stiamo subendo una involuzione di quelle conquiste per le quali si sono immortalati nei secoli molti nostri connazionali, e qui la politica, proprio perchè infarcita di personaggi a dir poco “oscuri”, risulta essere la prima pietra dello scandalo in quanto in più occasioni ha dimostrato di trasformare in prepotenza e libero arbitrio la concezione di democraticità in soffocamento dei diritti umani più elementari; tant’é che molti nostri connazionali rinunciano alla propria dignità e alla propria stessa ragione di essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*