Nuovi incentivi per le imprese innovative del Mezzogiorno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 134 del 10 giugno 2013 il nuovo Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede il sostegno a nuove iniziative imprenditoriali nei settori ad alto contenuto tecnologico, per incentivare le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca.

Le risorse finanziarie disponibili sono pari a Euro 190 ML. Il soggetto gestore individuato è INVITALIA S.p.A. e le domande potranno essere presentate a partire dal 04 settembre 2013, secodo la modulistica che verrà a breve pubblicata sul sito http://www.sviluppoeconomico.gov.it/.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiarie delle agevolazioni le imprese:

  • costituite da non più di 6 mesi dalla data di presentazione dell’istanza;
  • con sede legale ed operativa ubicata nei territori di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia;
  • di piccola dimensione costituite in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, ed i cui soci sono persone fisiche;
  • le costituende imprese che formalizzeranno, entro i 30 gg. dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni, la costituzione.

Non sono ammesse alle agevolazioni le imprese operanti nei settori della pesca, dell’acquacoltura, della produzione primaria dei prodotti agricoli e del settore carboniero, oltre che quelle del settore siderurgico, della cantieristica navale e della produzione di fibre sintetiche.

 

Le agevolazioni sono differenziati rispetto a:

1. AIUTI A FAVORE DELLE IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti imprenditoriali, presentati dalle imprese precedentemente classificate, che prevedono l’introduzione di nuove soluzioni organizzative o produttive e/o che sono orientate a nuovi mercati.

Spese ammissibili

Sono ammissibili a contributo le spese di funzionamento relative a:

  • interessi sui finanziamenti esterni concessi all’impresa;
  • spese di affitto di impianti, macchinari e attrezzature tecnologiche;
  • ammortamento e canoni di leasing relativi a impianti, macchinari e attrezzature tecnologiche;
  • costi salariali relativi al personale dipendente.

Agevolazioni

L’importo annuo massimo del contributo concedibile annuo per ogni impresa beneficiaria è pari a Euro 50.000,00 per un ammontare complessivo di Euro 200.00,00 nell’arco di quattro anni, così articolato:

a)      per i primi 3 anni dalla data di presentazione della domanda:

  • 35% del costo sostenuto su alcune spese di funzionamento ammissibili per le imprese allocate nei territori di Sicilia, Calabria, Campania e Puglia;
  • 25% per le aziende ubicate in Sardegna e Basilicata.

b)      per il successivo anno:

  • 25% del costo sostenuto su alcune spese di funzionamento ammissibili per le imprese allocate nei territori di Sicilia, Calabria, Campania e Puglia;
  • 15% per le aziende ubicate in Sardegna e Basilicata.

Sono previste maggiorazioni del contributo minimo per imprese start-up innovative che presentano spese in ricerca e sviluppo per un almeno il 30% del maggior valore tra costo e valore della produzione dell’impresa stessa, o impiegano ricercatori o dottori di ricerca per almeno il 40% della forza lavoro complessiva.

Valutazione delle domande

L’istruttoria delle domande sarà effettuata in base all’ordine cronologico di presentazione e verrà eseguita in base ai seguenti criteri:

a)      coerenza delle competenze e delle qualifiche professionali dei soci con il progetto  imprenditoriale;

b)      capacità del soggetto imprenditoriale ad introdurre nuove soluzioni organizzative e produttive;

c)      potenziamento del mercato di riferimento;

d)     sostenibilità economica dell’iniziativa.

 

2. SOSTEGNO IN FAVORE DI AZIENDE DIGITALI E/O A CONTENUTO TECNOLOGICO

Le agevolazioni sono erogate per la realizzazione di programmi di investimento connessi all’avvio di una iniziativa imprenditoriale che operi nell’economia digitale o realizzi programmi di investimento a contenuto tecnologico, finalizzati a valorizzare economicamente i risultati delle ricerca pubblica e privata.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse nei limiti del Regolamento de minimis per un ammontare massimo di Euro 200.000,00 ridotto a Euro 100.000,00 per le imprese operanti nel settore del trasporto su strada. Le agevolazioni consistono in:

a)      contributo a fondo perduto per le spese di Investimento;

b)      servizi di tutoring tecnico-gestionale a sostegno della fase di avvio dell’impresa.

Le agevolazioni sono concesse nella misura del 65% delle spese ammissibili; nel caso di società composte interamente da giovani di età non superiore ai 35 anni o da donne, il contributo è pari al 75% delle spese ammissibili.

Spese ammissibili

Sono ammissibili a contributo le spese di investimento relative a:

  • impianti, macchinari e attrezzature tecnologiche o tecnico scientifiche;
  • hardware e software;
  • brevetti e licenze;
  • certificazioni, Know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate;
  • progettazione e sviluppo soluzioni informatiche, e consulenze tecnologiche.

Valutazione delle domande

L’istruttoria delle domande sarà effettuata in base all’ordine cronologico di presentazione e verrà eseguita in base ai seguenti criteri:

a)      adeguatezza e coerenza delle competenze e delle qualifiche professionali dei soci con il progetto  imprenditoriale;

b)      carattere fortemente innovativo dell’idea di business, in riferimento all’introduzione di un nuovo prodotto e/o servizio, ovvero di nuove soluzioni organizzative o produttive;

c)      potenziamento del mercato di riferimento;

d)     fattibilità tecnologica ed operativa del programma di investimento;

e)      sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa.

 

Dott. Roberto Lo Meo

Funzionario di Sviluppo Italia Sicilia S.p.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.