Ultime

Le donne del movimento “Mare” rispondono

Pin It

Come donne vorremmo rispondere al Papa che ha detto:

Le donne sono naturalmente inadatte per compiti politici. L’ordine naturale e i fatti ci insegnano che l’uomo è politico per eccellenza, le donne da sempre supportano il pensare e il creare dell’uomo, niente di più”…!?  – tratto da La Repubblica di venerdì 15 marzo 2013 -; siamo contente di non essere adatte a fare quella politica che sino ad ora ha fatto anche la Chiesa e spero che in futuro le cose cambieranno …! “Benedico in silenzio per rispetto degli atei”. Il Papa dei poveri lo speriamo, anche di quelli atei …! Se Gesù era vicino a tutti, la Chiesa non dovrebbe fare distinzioni ma, fino ad ora, mi sembra che favoritismi e tutela del lavoro vengano diretti soprattutto ai cattolici, anche se i soldi vengono dati dallo Stato laico italiano, quindi da tutti.

Don Gallo e Vito Mancuso -teologo- alla trasmissione televisiva Che Tempo che Fa del 16 marzo 2013, condotta da Fabio Fazio: Chiesa povera, segni positivi, “Vorrei che desse un segno” “Pace e bene, incominciando dai poveri”. “Ci si aspetta un cambiamento, dal potere così pesante che ha prodotto arricchimento della Chiesa; dentro i gay, i divorziati, dentro gli atei, la Chiesa è misericordia, prima di tutto”.

Vorremmo rispondere alla Gelmini: “L’elezione di una donna alla Camera? Positiva in sé. La Boldrini ha fatto un discorso ideologico, schierato” – da La Repubblica del 17 marzo 2013 – Siamo contente come cittadine italiane oneste e lavoratrici che la Presidente della Camera, Laura Boldrini si sia schierata per la BUONA POLITICA: con gli esodati, i disoccupati, i giovani meritevoli, non raccomandati, sempre precari, contro la violenza sulle donne, con gli emarginati, con dei piccoli imprenditori strangolati dalla crisi, con i carcerati, con i giovani “Ad una generazione che ha smarrito se stessa, prigioniera della precarietà”. Cara signora Gelmini quali sono state le sue risposte come Ministro dell’Istruzione?! Occuparsi di riportare la scuola indietro, facendo riforme che non favorivano certo il merito ma il classismo? Lei non ha favorito la scuola privata con i denari pubblici? Questo non è di parte? A noi sembra che questo  sia stato un ingiusto “SCHIERAMENTO”.

Vorremmo rispondere a tutte le mafie; siamo contente di ciò che ha detto il Presidente del Senato Pietro Grasso: “Subito un segno di cambiamento, il disagio della gente va capito, io mi occuperò ancora di giustizia”. E speriamo quindi vivamente che le richieste di Formigoni che invoca il bavaglio alle intercettazioni non vengano prese in considerazione dalle Camere. Noi come cittadine oneste non abbiamo nulla da nascondere lei invece di cosa ha paura?

Vorremmo rispondere a Grillo: “E’ una ribellione a colpi di tweet e di commenti su Facebook quella che si è consumata ieri all’interno del Movimento 5 Stelle prima dell’elezione del Presidente del Senato”. Se non sappiamo scegliere tra Grasso e Schifani è davvero la fine. Addio Movimento…” Scrive Roberto P. In poche ore, tra la votazione della Camera e quella del Senato, su Internet scoppia la polemica: … Risposta di Grillo: “Via chi ha tradito” – da La Repubblica 17 marzo 2013 -. Cosa avrebbero tradito questi cittadini italiani eletti dal popolo italiano, la coscienza di un voto giusto? La rappresentatività della nostra Costituzione con la quale sono stati eletti? Cosa nasconde invece Grillo con il suo fare dispotico, i “giochi” finanziari dei poteri forti mondiali?

Vorremmo infine rispondere a coloro che eludono la giustizia urlando all’ingiustizia, quando invece hanno avuto comportamenti scorretti e delinquenziali: “E’ ora di finirla, andate all’inferno!”.

                                         Le donne del Movimento MARE

Fonte: movimentomare.org

Foto: www.lettera43.it

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*