I Giovedì della Poesia: “Luna violata” di Bruno Guidotti

Disegno di Bruno Guidotti

Luna violata

Oh! Qual rimpianto,

e qual malinconia

al cuor talor mi preme

nelle celesti notti,

nel te vedere triste,

spoglia ormai del tuo

mistero, che sempre

a noi ci è stato caro.

Tu degli amanti amica,

tu silenziosa e chiara,

tu vestale dei segreti amori,

torna ad essere la bugiarda

luna di Romeo e Giulietta,

torna ad errare nei deserti estesi,

torna ad indossar quel velo di mistero,

torna a far sognar gli amanti.

8 thoughts on “I Giovedì della Poesia: “Luna violata” di Bruno Guidotti

  1. Una preghiera intensa ad una luna vista con gli occhi del poeta triste spogliata ormai da ogni mistero
    Una preghiera accorata affinché torni a proteggere gli amanti che a lei si affidano facendoli tornare a sognare come un tempo
    Bella opera molto apprezzata

  2. Tutta la composizione è riassunta nell’esclamazione iniziale, che domina il primo verso e racchiude tutti i successivi.
    Come la punta di un iceberg, emerge velata dalla malinconica trama di pensieri che si accavallano lungo la poesia, che svela dunque gradualmente i veri sentimenti del poeta.
    Apprezzo molto la costruzione e l’ermeticitá con cui viene descritta la musa principale del poeta: la malinconia.
    Bellissima.

  3. Il riconsiderare con rimpianto il valore che la Luna ha rivestito prr i poeti. Adesso e triste l’averla spoglliata del sogno e del mistero.Testo che ben trasmette il significato da dare all astro d’argento
    Il mio è lo

  4. Bella La Poesia Che Rende Omaggio alla Luna , Che Ci Rapisce Lo Sguardo Sempre , Pur Essendo Parte Della Nostra Vita Quotidiana , Ma Sempre Nuova ed incantevole , Affascinante . Bravo il Poeta Bruno , Che , Con i Suoi Bei Versi Riesce Ogni Qualvolta ad Emozionarci . Il Ruolo del Poeta è Anche Questo . Grazie di Cuore .

  5. Malinconici e intensi versi alla Luna che continua a spargere la sua luce bianca sugli innamorati, ma senza più incanto e magia; fredda sfera senza più mistero, che toglie ispirazione ai sogni, ai poeti e agli amanti.
    Bravo Bruno. Stavolta è proprio poesia.

  6. Con questa poesia Bruno Guidotti ci porta nel mondo degli innamorati che si vogliono bene sotto il chiarore della luna, che in questi ultimi anni è stata scoperta dagli uomini e violata di quel mistero che avvolgeva tutti gli amanti di questo mondo. Ormai il mistero che c’era una volta sulla luna e che tanti fidanzati amavano è stato miseramente svelato e non c’è più. Certo gli innamorati di oggi avranno un’amica in meno, dato che è stato svelato il suo mistero e il poeta esprime un desiderio che la luna torni ad indossare quel velo segreto per far sognare di nuovo gli amanti. Il poeta Bruno Guidotti riesce sempre a sorprendermi con le sue belle poesie,la sua gentilezza ed il suo buongusto, grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.