I giovedì della poesia: “Il fiume” di Bruno Guidotti

Silenzioso scorre il fiume,

fra le spoglie e amiche sponde,

con sé portando del borgo,

e stenti e gioie.

Ora qua lento andando,

sfiorando le antiche case.

Ed oltre l’ansa più correndo,

ove canneti, fertili terre,

silvane piante, ed intrigati

boschi, da lui traggono linfe.

Io lo osservo grato,

e con lui navigar vorrei

per la lontana foce,

ove paziente, il mar lo attende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*