Ultime

Il bacio nelle diverse culture

Dalle tradizioni all’espressione igienica per la salute fisica e dello spirito, la cultura del bacio ha sempre dominato il comportamento degli esseri umani in qualunque contesto esistenziale.

Pin It

di Ernesto Bodini
(giornalista e opinionista)

bacio della vittoria fotografato da EisenstaedtÈ ancora presente in tutti noi il ricordo dell’immagine simbolo del cosiddetto “bacio della vittoria”, dato dal marinaio Glenn McDuffie ad una infermiera a Times Square (New York), immortalata il 14 agosto 1945, pare alle 17.51, dal fotoreporter tedesco (americano d’adozione) Alfred Eisenstaedt (1898-1995, vedi foto a lato) che ottenne una pagina intera sulla rivista Life per la bellezza della sua spontaneità. Una vera e propria icona che ha fatto il giro del mondo, la cui espressione labiale improvvisa e spontanea del protagonista (morto a 86 anni nel marzo del 2014) ha “sugellato” la fine del secondo conflitto mondiale, ovvero l’incubo della morte. Quindi, il bacio della vittoria, che se ancora persistono diverse discordanze sui reali “protagonisti” immortalati, l’atto ha comunque voluto auspicare la rinascita della pace tra i popoli; un “dolce” gesto che da sempre è ripetuto tra gli umani ogni giorno come manifestazione di affetto, amore o semplice amicizia.

Ma basta questo gesto per tenere uniti milioni di persone delle più diverse culture ed in qualunque contesto socio-esistenziale? Ma soprattutto, quali le origini del bacio (kiss in inglese)? A riguardo la letteratura è ricca di riferimenti, a cominciare dal perché si bacia è tuttora un mistero in quanto gli scienziati non sono riusciti a trovare una linea comune sui motivi di questa pratica, per alcuni ritenuta “bizzarra”, per altri colma di profondo significato… umano. In particolare la scrittrice e giornalista scientifica americana Sheril Kirshenbaum che ha indagato (con l’aiuto dell’antropologia, delle neuroscienze e della psicologia) quella che l’attrice Mae West (1893-1980, sex symbol del cinema americano) definiva «la firma di un uomo»; come pure «l’apostrofo rosa» così definito dal poeta drammaturgo francese Edmond Rostand (alias Cyrano de Bergerac 1868-1918); ma anche «un giuramento fatto un poco da presso, un più preciso patto, una confessione che sigillar si vuole, un apostrofo tra le parole t’amo». Indagini colorite da espressioni tanto poetiche quanto fantasiose che di fatto non hanno sortito alcuna spiegazione univoca e convincente. Nello specifico la Kirshenbauman spiega che il bacio è l’aderire bocca a bocca di due persone o il premere le labbra su qualche altra parte del corpo di un altro (o su un oggetto); questo ed altro ancora è contenuto nel suo volume “La scienza del bacio” (Cortina Editore).

Un altro ricercatore, il neuroscienziato indiano Vilayanur S. Ramachandran, sostiene che i nostri antenati hanno applicato quell’istinto all’anatomia femminile, passando dalle zone intime alla bocca, un percorso fisiologico che il celebre etologo zoologo inglese Desmond Morris definiva «un’eco genitale». A lui si deve anche un’altra teoria: il collegamento in modo razionale della sensazione di benessere alla fase dell’allattamento. E proprio al periodo dell’infanzia, si fa riferimento alla terza ipotesi, ossia quella sulla “premasticazione”, un metodo essenziale sin dagli esordi del genere umano per svezzare bambini.

Più estensivamente tre o quattro sarebbero i tipi di baci: dalla bocca (affettivo e sessuale) a quello delle mani, del seno, del ginocchio, e persino il bacio dell’oggetto inanimato, come quello dato (per scaramanzia, invocando la fortuna) ai dadi lanciati da un giocatore in un casinò. Gli antichi romani avevano tre termini per distinguere questo gesto: Osculum, bacio sociale, amichevole o di rispetto; Basium, tra famigliari ma a volte anche erotico; Savium, sessuale o erotico. Ma vi è anche il bacio affettuoso della nutrice verso il neonato: guancia contro guancia. La filosofia del bacio, secondo il filosofo e regista teatrale Franco Ricordi, considera un particolare tipo di bacio: il bacio in bocca (“bacio alla francese”) che, secondo Kirshenbaum, gli americani hanno imparato a conoscere solo dopo la prima guerra mondiale; e nello specifico, Ricordi stabilisce tre periodi nella storia del bacio: l’epoca tragica, ossia quella dell’antichità; l’epoca teologica, quella cristiana; e l’epoca economica, ossia quella attuale. Il bacio, secondo il filosofo, inizialmente corrispondeva alla porta dell’Amore, un gesto legato al sacro, all’innocenza dell’Essere; in seguito si imponeva l’interdetto cristiano riferito agli atti impuri; ed in età postmoderna il bacio in bocca ha perso la sua valenza estetica ed etica diventando un elemento ricorrente quale linguaggio acquisito.

Più lapidaria la definizione data dal fotografo francese Henri Cartier-Bresson (1908-2004): «Una fotografia è un bacio oppure uno sparo», anche se in realtà la frase originale è assai diversa in quanto il pioniere del foto-giornalismo affermava che la sua Leica era «come un caldo bacio, come un colpo di pistola e come il lettino dello psicoanalista». Ma assai più lunga è la storia del bacio politico, concettualmente inteso come il bacio che suggella un’alleanza come il celebre “bacio alla sovietica” del 1979, tra Erich Honecker (1912-1994), segretario generale della Sed tedesco-orientale, e del segretario del Pcus Leonid Brežnev (1906-1982); ed altrettanto storico il bacio tra Honecker e Michail Gorbačëv. Più casereccio il fantomatico bacio tra Andreotti e Riina, un bacio-trattativa nato dall’estro del pentito Balduccio Di Maggio. Una sequela quella del bacio-politico, “intenzionale o meno”, che potrebbe continuare sfogliando testi di storia e politica e l’immaginazione ne completerebbe la ricerca nella quale si potrebbe includere la non meno provocante scena del bacio (probabilmente con intenti di pacificazione) relativa alla manifestante No Tav che, durante il corteo in Val di Susa (To) del 16 novembre 2013, ha baciato la visiera di un poliziotto in tenuta anti-sommossa. Ma ancora più emblematico e, per così dire, più universale, “Il bacio di Giuda”, immortalato ad olio su tela nel 2011 dal pittore colombiano Ferdinando Botero, opera ospitata alla Mariborough Gallery di New York.

Il bacio di Francesco HayezDal punto di vista della diffusione artistica altrettanto famoso “Il bacio” immortalato nel 1859 dal pittore italiano Francesco Hayez (1791-1882), un olio su tela (112 x 88 cm). Quest’opera (vedi foto a lato), che è esposta alla Pinacoteca di Brera, apparve in pubblico per la prima volta nel settembre del 1859, tre mesi dopo l’ingresso trionfale in Milano di Vittorio Emanuele II e di Napoleone III. Molti videro l’accostamento del rosso e dell’azzurro come un’allusione all’alleanza tra Francia e Italia. E che dire delle non rare scene del bacio sul set cinematrografico? Una vera e propria “sequela” di perfomances. Il primo bacio cinematografico è del 1896 tra May Irwin e John Rice dal titolo esplicito “The Kiss”, che indusse a invocare per la prima volta la censura cinematografica. Storico è il bacio di Natalie Wood e Warren Beatty in “Splendore sull’erba” del 1961; mentre il primato del più lungo bacio cinematografico è stato a lungo quello tra Jane Wyman e Reggis Tomey: 185 secondi, nel 1941; nel 2005 in “Kids” in America lo hanno battuto Gregory Smith e Stephanie Sherrin: sei minuti (piuttosto noiosi).

 

MA IL BACIO FA BENE ALLA SALUTE?

Anche da questo punto di vista non mancano riferimenti in letteratura. Pare, infatti, che baciarsi con regolarità abbassa la pressione arteriosa e i valori del colesterolo da ridurre così il rischio di infarto, inoltre rafforza il senso di autostima. Secondo il sessuologo Emmanuele A. Jannini, specialista in Endocrinologia e Andrologia, come riportato da Repubblica Salute del febbraio 2006, «Baciare offre tanti benefici, anche da un punto di vista fisico, ed è un segnale chimico ben preciso per la nostra sessualità; inoltre, nella saliva è custodito un veicolo molecolare che induce al desiderio come il testosterone. Baciare è come dire che siamo pronti ad amare e a lasciarci amare. Baciare placa le ansie facendoci sentire accettati». Ma secondo la microbiologa Susan Erdman, ricercatrice alla Divisione di malattie comparate al Massachusetts Institute of Technology (Mit), che studia gli effetti sulla salute del microbioma (l’insieme di batteri che vivono nel nostro corpo), la microbiologia spiega i benefici dei batteri “buoni” che sono nel nostro intestino, che favoriscono ottimismo, meno stress e più resistenza alle malattie. In particolare, baciare con la lingua è quanto viene diffuso da più organi di stampa, e ciò significa che introduciamo milioni di batteri: 80 milioni sono i batteri scambiati con un bacio alla francese di 10 secondi, sono invece 1.000 i batteri con un bacetto sulle labbra, considerando che sono 1 miliardo i batteri che vivono nella bocca, 100 trilioni i batteri che vivono nell’organismo. Per contro con il bacio si può manifestare la Mononucleosi (nota anche come la malattia del bacio), un’infezione contagiosa (responsabile il virus di Epstein-Barr) dagli scarsi sintomi e che nella maggior parte dei casi guarisce spontaneamente. È una malattia moto diffusa, tanto che il 90-95 per cento della popolazione mondiale risulta essere venuta a contatto con il virus EBV almeno una volta nella vita. Una volta entrato in contatto con l’organismo, il virus vi resta per tutta la vita.

Amore e Psiche di Antonio CanovaMa vi è anche la cultura del bacio, tanto che il 6 luglio di ogni anno ricorre la “Giornata Mondiale del Bacio”, una sorta di viaggio alla scoperta dei mille modi di baciarsi tra le diverse popolazioni. Se in Cina il bacio è considerato poco igienico, in Giappone non ci si bacia in pubblico per rispetto, mentre in Malesia è proibito per legge. Gli eschimesi si strofinano le punte del naso, in India invece, si credeva che il respiro fosse una parte del proprio spirito e baciarsi equivaleva a scambiarsi le anime. In Russia, contrariamente a quanto si possa credere, fino a poco tempo fa era abitudine salutarsi baciandosi sulle labbra, anche tra gli uomini, specialmente se ritenuti illustri. Ma comunque la si intenda, la cultura del bacio ha sempre dominato il comportamento gestuale intimo e/o affettivo, o più semplicemente relazionale, dell’umanità; e non è azzardato consigliare di continuare a baciare da grandi e da vecchi poiché essere capaci di ricercare questo benessere antico ed erotico, non può che giovare sia al corpo che allo spirito… E se sempre ha più “valore” il bacio affettivo-sentimentale dell’uomo verso la donna, tale manifestazione ben si confà con quanto sosteneva William Shakespeare (1564-1616): «La donna uscì dalla costola dell’uomo, non dai piedi per essere calpestata; non dalla testa per essere superiore; ma dal lato per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta, accanto al cuore per essere amata».

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*