L’angolo di Full: “The buskers”

L’angolo di Full: “The buskers”

Si spartivano qualche applauso e molte spine. Come tutti gli artisti di strada.
Lui, ormai in età, avrebbe rinunciato da tempo a esibirsi, ma continuava a farlo per lei. Peraltro era lei ad attrarre quel poco pubblico con la sua voce melodiosa. Una voce che ammaliava anche lui che, a volte, quasi non respirava per starla a sentire.

L’ultima esibizione della serata s’era ormai conclusa quando l’improvviso nubifragio li costrinse al riparo in un anfratto della notte, gelida, nonostante alitasse nell’aria qualche timida promessa di primavera. E come ogni notte, lui s’addormentò abbracciandola stretta.

Lo trovarono la mattina dopo, ormai rigido, con le braccia a semicerchio, come se abbracciasse qualcosa… o qualcuno… forse un amore.

Accudita dal destino delle cose, “lei” non c’era in quel suo ultimo abbraccio. Se l’era fregata un vagabondo, la sua chitarra.

 

 

Fulvio Musso

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*