Ultime

Vicchio di Mugello: Giotto Off fa un nuovo sold out. In scena La Martinicca con il “Matrimonio con il morto”

Pin It

 

 

 

Sabato 26 ottobre, nuovo sold out per il secondo appuntamento della rassegna “Giotto Off” al teatro di Vicchio di Mugello con lo spettacolo “Matrimonio con il morto” della compagnia “La Martinicca” di Piazzano, giunta alla sua decima replica tutto esaurito. La Commedia,  di Antonella Zucchini, in rigorosissimo vernacolo fiorentino, è ambientata nella Firenze degli anni ’50. Tutto si svolge nel salotto buono della casa della sposa dove si sta preparando un matrimonio d’interesse tra Clelia, la figlia brutta e svampita di una coppia di ortolani benestanti e Alfonsino, figlio  di una famiglia di blasonati pieni di debiti e in costante attesa della morte dello zio Ubaldo, uomo ricco e taccagno che ha scelto come unico erede delle sue fortune proprio il futuro sposo. Nel gioco, anzi pardon GIUOCO – proprio come nel linguaggio forbito della madre dello sposo che quasi viene alle mani con la madre di Clelia- degli inganni e degli equivoci, fra le mangiatine dello zio Ubaldo, i pianti sconsolati della sposa, le battutacce dell’ortolano, la sarta-ladra Bombardi e i due dell’agenzia matrimoniale, dai nomi epici di Omero e Virgilio, uno ladro, l’altro cugino obnubilato dalla cameriera Italia, belloccia e concreta,  il rituale d’antico sapore shakespeariano “del tutto è bene quel che finisce bene” si ripete.

E chi ci guadagna, alla fine, sono i soliti, quelli che hanno tramato cosicché nella girandola delle incertezze” tutto cambi, affinché tutto resti come prima” e gli sconfitti siano quelli che hanno rinunciato ai propri sogni, per mancanza di coraggio,  furfanteria o per essersi inutilmente illusi. Bravi gli attori dilettanti della Martinicca, che  hanno tenuto bene la scena, seguendo un ritmo sostenuto e improvvisando al bisogno, voci ben impostate e chiare di palese e provata esperienza,  buona la regia che non ha lasciato spazio a sbavature ed incertezze.

Francesca Lippi

Le foto sono tratte da Facebook

 

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*