Ultime

Hanoi: un sacerdote in coma e un orfanotrofio assaltato da teppisti con aiuto polizia

Pin It

 

 

 

Hanoi (AsiaNews) – Un gruppo di teppisti, con la collaborazione della polizia, hanno preso d’assalto un orfanotrofio cristiano in Hanoi, danneggiando l’edificio e picchiando i bambini che sono ospiti del centro. I teppisti hanno gravemente ferito un sacerdote, che è intervenuto in difesa delle  giovani vittime innocenti. Egli è stato ricoverato in un ospedale della capitale in stato d’incoscienza  per i  colpi ricevuti alla testa durante il raid. La comunità cattolica locale ha denunciato l’ultimo episodio di persecuzione operato con la connivenza delle autorità comuniste e di ricorso al dell’arcidiocesi e la gerarchia della Chiesa, per denunciare con forza la violazione dei diritti umani e della libertà religiosa nel Paese.

Testimoni hanno riferito ad AsiaNews che la mattina del 14 aprile, la polizia della città di Thuy Tien Xuân e le autorità locali nel distretto di Chuong My, Hanoi, ha inviato un gruppo di teppisti per attaccare un orfanotrofio cattolico nella capitale, la famiglia Agape. La struttura è sostenuta dal lavoro di volontari cattolici e il contributo attivo di p. Nguyen Van Binh, vicario della parrocchia di Yen Kien, nell’arcidiocesi di Hanoi. Gli assalitori sono fuggiti indenni, grazie alla copertura della polizia.

Secondo i rapporti, poco dopo la mezzanotte i teppisti hanno tagliato l’elettricità al centro, poi hanno iniziato a lanciare pietre e oggetti per spaventare i bambini. Un vicino, che ha chiesto l’anonimato, ha detto che “hanno colpito l’altare della Madonna. Un bambino è stato portato via” e quando ha provato a ribellarsi “lo hanno preso più volte a schiaffi in faccia”. Più tardi “almeno 200 poliziotti sono arrivati per aiutare la folla a distruggere il centro Famiglia Agape.

Dopo aver appreso dell’attacco, p. Nguyen Van Binh immediatamente è corso all’orfanotrofio, ma è stato colpito più volte dalla polizia con i manganelli. Ha subito gravi ferite alla testa (nella foto) ed è caduto in coma. In un primo momento è stato trasportato all’ospedale di Chuong My, poi trasferito in una struttura ospedaliera vietnamita-tedesco in Đức Viet, in pericolo di vita. Fedeli sono stati feriti nell’attacco. Un parrocchiano ha detto ad AsiaNews che il p. Nguyen è stato molto attivo nella cura dei bambini svantaggiati. “Il governo – ha aggiunto – deve rispettare e incoraggiare queste attività caritative al contrario, le autorità comuniste locali gli hanno impedito di fare del bene e distrutto l’orfanotrofio.». Un altro appello dai fedeli ai capi dell’arcidiocesi di Hanoi e del Comitato per la Giustizia e Pace della Chiesa vietnamita è stato fatto per denunciare l’ennesimo episodio di violazione dei diritti dei cristiani nel paese.

(J.B. An Dang collaborato)

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*