I giovedì della poesia: “Quell’aratro trainato dai buoi” di Bruno Guidotti

Quell’aratro trainato dai buoi

Lentamente procedeva quell’aratro

trainato dai docili buoi,

guidato da quell’uomo provato e sudato,

che stringeva con forza la stegola.

I suoi occhi interpretavano il cielo,

dei venti conosceva i presagi,

della luna seguiva i consigli,

per dare semi fecondialla terra.

Lentamente procedeva quell’aratro,

sobbalzando su dislivelli di terra,

sui  cespi di erbe, e su ammassi induriti.

Ed ora affondando in trattidi fangosi,

ove i docili buoi aumentavan gli sforzi,

dondolando il capo pazienti e sbavando.

Ora si è perduto in lontani ricordi

quell’aratro che affondava impietoso il suo vomere,

preparando alla semina quei solchi tali a ferite.

Lentamente  procedeva quell’aratro trainato dai buoi.

Il disegno di copertina è di Bruno Guidotti

3 thoughts on “I giovedì della poesia: “Quell’aratro trainato dai buoi” di Bruno Guidotti

  1. Ricordo lontano quando il contadino paziente preparava la terra per la semina…sudore fatica pazienza che ora sono solo ricordi passati…elogio per la poesia e per il bel disegno

  2. Molto Bello e realistico il disegno . La poesia ci riporta alla mente un lavoro pesante del quale riviviamo tutti.i suoi risvolti. Poveri Animali , e al pari , povero il contadino che rispettando le varie fasi delle stagioni metteva a frutto tutte le sue conoscenze , per tirare fuori dal terreno i suoi sostentamenti, con tanto sudore e fatica. Bravissimo Bruno , Complimenti Veri e sinceri . Un Saluto a tutti quanti. C i a o .

  3. Complimenti Bruno per la bellissima poesia e altrettanti per il bellissimo disegno è sempre un piacere leggere le tue bellissime parole Un saluto e complimenti ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.