I giovedì della poesia: “L’atteso ‘21” di Francesco Augello

“Dalla terra di Pirandello giunge un augurio speciale che, attraverso le parole e la voce del poeta e saggista agrigentino Francesco Augello, invita a resistere. Grazie alla sua poesia inedita, dal titolo “L’atteso ’21“, il poeta rivolge nel suo finale, al quale ci uniamo concordi, uno splendido augurio, ai lettori, ai conterranei e agli italiani tutti, dopo un 2020 funesto per tanti: “Non molliamo!”

Stiam per scoprire il nuovo anno,
lo scorso, ne siam sicuri,
è stato un inganno,
per molti un vero malanno,
un continuo affanno;
abbiamo a lungo atteso il 2021,
stanchi di non poter abbracciare nessuno,
afflitti dal quel bisestile,
per ciascun suo mese così ostile,
da ciò che al termine del 2020 ancora uccide.
Eppure abbiam resistito,
reagito, con dignità sopportato,
atteso una soluzione,
per le persone amate,
per quelle da poco nate
o per una e più vite andate,
ma senza negare la buona azione,
senza rinunciare alla tradizione,
prima dello scoccar della mezzanotte,
a quel cotechino, stinco o zampone.
Ed ecco che ci siamo quasi…
anche senza un veglione,
un capodanno con poche scintille,
con poche persone, vietate le riunioni
e ancora poche ore al quel meno tre,
meno due, meno uno,
a quel brindisi, in pochi,
per non dimenticare nessuno,
da chi vorrebbe stringere una mano
ma è ancor lontano,
a quanti si dicono ti amo
un solo Augurio per il nuovo anno:
non molliamo!

Link audio alla poesia https://www.francescoaugello.it/poesie/Latteso21.mp3

Nota biografica
“Francesco Augello, poeta, nato ad Agrigento nel 1973, andragogista con un forte background nella divulgazione informatica che sapientemente lega, da sempre, al mondo della tutela dei minori e delle disabilità. Esperto di pedagogia ad orientamento clinico- giuridico-tiflologico, interessato alle dinamiche socio-mediatiche, psico-sociali ed educative, in qualità di saggista collabora dal 2004 con diversi editori e riviste scientifiche.

Uno studioso eclettico, stimolato dalla curiosità di sapere, contro una società affetta da una costante manipolazione dell’informazione e dalla “post-verità”, educato alla creatività, capace di mettere a servizio le sue
innumerevoli competenze/capacità e, cosa che lo contraddistingue, di trasmetterle con passione e professionalità.

Base musicale: twisterium-happy-ending
Music promoted by https://www.free-stock-music.com
Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)
https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

11 thoughts on “I giovedì della poesia: “L’atteso ‘21” di Francesco Augello

  1. Poesia concepita e scritta col cuore, da poeta autentico, ricco di quell’humanitas sempre più raramente riscontrabile nel mondo di oggi abituato fin troppo all’indifferenza e all’apatia.
    Un messaggio forte ed incisivo per non dimenticare, per mai mollare!!

  2. Una poesia che mi ha fatto assaporare la vera atmosfera, anche nella mia solitudine, il poeta è riuscita a catturare una sconosciuta, a farmi vibrare in ogni verso e con ogni verso scritto e letto.
    Davvero profondo, quella profondità d’animo che un vero poeta possiede aldilà dell’etichetta perché poeti si nasce e qui l’autore ha dimostrato tanto.
    Mi piacerebbe sapere se vi sono altre poesie di questo poeta che non conoscevo.

  3. Che dire, mi ha emozionato, poi la voce e la musica insieme, inusuale sentire un poeta spendersi con la sua voce perché trasmette esattamente l’emozione della poesia così come andrebbe letta e che spesso invece ognuno legge con una tonalità mai uguale a quella del poeta.

  4. Davvero bella, mi ha fortemente emozionato, e la voce della poeta è quel più che spesso non ti aspetti.

  5. Non solo ha colto e veicolato l’intero clima vissuto, ma lo ha saputo trasmettere con delicatezza, con quella leggerezza che solo un vero poeta sa offrire, capace di trascinarti e condurti dentro di te ovunque con grande abilità e senza pessimismo, offrendoti emozioni e speranza confezionate ad arte, con grande sentimento.

  6. Sposo ogni riga dei commenti letti, aggiungo che lo stile leggero, ma non banale, mi ha colpito molto, e ho apprezzato e visto che altrove altre poesie sono state pubblicate del poeta. Poesie delicate, sempre con quella sottile nota di humor che fa tanto rumore dentro, è una poesia nuova, figlia dei nostri tempi, ma che fa assaporare lo stile di quei tempi andati e di cui c’è tanto bisogno.

  7. Ho riascoltato diverse volte la poesia e ogni volta sono stata pervasa da una sensazione diversa e sempre più completa.
    Voce, immagini e musica perfetti….la poesia è un tocco di incantevole finezza e delicatezza.

  8. Cercavo delle poesie, mi sono casualmente imbattuta in questo poeta, mi ha incantata e ho riascoltato diverse volte la poesia recitata dall’autore.
    Mi ha incuriosito con il suo stile pieno di sentimento e ho cercato altrove altre poesie dello stesso autore, ne ho scoperto tante altre, un’emozione dietro l’altra mi sono sentita presa da ognuna di essa, non so se in libreria è presente qualchef suo volume, prego lo staff di segnalarlo eventualmente.

  9. Una poesia che conserverei negli annali della poetica, perché è perpetua. Una fotografia indelebile del nostro tempo, del nostro recente vissuto e di quel desiderio di andare avanti nonostante tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *