“White & Blue”: primo album da solista per Fabrizio Rispoli

copertina dell'album White&Blue di Fabrizio Rispoli

FABRIZIO RISPOLI

 “White & Blue”

il primo disco da solista del cantante jazz

copertina dell'album White&Blue di Fabrizio RispoliDopo gli innumerevoli concerti, spettacoli, registrazioni e featuring, il cantante di “Aaron Tesser & The New Jazz Affair” pubblica il suo primo album da solista.

White & Blue” contiene dodici canzoni Jazzy-Pop, scritte
 dal cantautore trevigiano.
 È durante la sua carriera, iniziata cantando nelle band di noti programmi radiotelevisivi nazionali (da “Ci vediamo in TV” di Paolo Limiti a “Il tappeto volante“, da “Quelli che il calcio” a “Viva Radio Due” con Fiorello e Baldini) che Fabrizio inizia a rendersi conto della sua naturale necessità di cantare e scrivere musica.

Inizia ad interpretare sue canzoni proprio con “Aaron Tesser & The New Jazz Affair“, con cui pubblica tre album, resi noti in Italia da svariati programmi e manifestazioni (da “Montecarlo Night” con Nick the Nightfly a “Milano Jazz Festival”) ed esportati all’estero fino in Giappone, con quel tipico sound Lounge/Nu-Jazz che la sua voce tanto contraddistingue.

Il suo primo album è oggi il risultato di un percorso maturato in anni passati fra persone, luoghi e suoni. Un album che, come dice lo stesso Fabrizio, nasce dalla melodia: “È la melodia che innesca quel meccanismo di partenza, quell’insieme di immagini che poi daranno origine a sensazioni, a parole“.  Un album a metà tra Pop e Nu-Jazz in cui non mancano latin e swing. Dodici canzoni scritte dal cantautore, spesso aiutato nei testi (nove in inglese e tre in italiano) da Cristina Pizzol e Patrizia Rossi. “White & Blue sono i colori al di sopra del mondo, quelli che ti aiutano a creare un distacco, che ti comunicano libertà […]”

Accompagnano Fabrizio: Lino Brotto alle chitarre, Nicola Dal Bo al piano e tastiere, Andrea Tombesi al basso e contrabbasso, Marco Carlesso alla batteria, Marco Catinaccio alle percussioni, Gianluca Carollo alla tromba e Michele Polga al sassofono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.