Viva La Vita Onlus: appello al Governo

 

Oramai giunti al settimo giorno dello sciopero della fame e dei farmaci, abbiamo apprezzato i tanti appelli a non estremizzare la protesta con gesti non reversibili giunti da Ministri, Politici e tanti Cittadini. Purtroppo non dipende più da noi, le nostre scelte sono coerenti, abbiamo chiesto quanto previsto da una legge votata in agosto, la 135/2012, che prevedeva almeno 350 milioni per i disabili gravissimi.

Siamo ora noi che facciamo un appello al Governo perchè ripristino i finanziamenti sottratti con il disegno di legge di stabilità all’esame del Parlamento. Invitiamo i Ministri dell’economia, politiche sociali e sanità ad incontrarci il giorno 21 presso il ministero dell’economia. noi saremo in presidio ad aspettarvi dalle 10,30.

Siamo certi che si possano trovare soluzioni per soddisfare le legittime richieste dei disabili gravissimi discutendo dei punti presentati ai Ministri Balduzzi e Fornero nell’incontro del 31 ottobre a

PUNTI DI DISCUSSIONE DELL’INCONTRO:

a)      Incremento del fondo non autosufficienza di 400 milioni da utilizzare in via prevalente e prioritariamente per i disabili gravissimi, chiaramente esente reddito ISEE.

b)      Utilizzare i fondi per finanziare l’assistenza indiretta con contributi diretti alle famiglie per i Piani Assistenziali Individualizzati,(PAI) strutturati in concerto tra le parti.

c)      Prevedere una compartecipazione economica delle Regioni in misura di un terzo dei PAI, portando così il totale utile a 600 milioni. (Molte Regioni non spendono nulla o poco per le Politiche Sociali)

d)      Predisporre un atto legislativo di riduzione del 5% dei posti in RSA a carico del servizio sanitario regionale. Per invogliare i pazienti al rientro al domicilio prevedere un contributo di 30.000€ l’anno. Con tale provvedimento si può prevedere un risparmio di almeno 600 milioni.

e)      I risparmi di cui al punto d verranno utilizzati per l’assistenza socio sanitaria dei disabili meno gravi con procedure di cui ai punti precedenti.

f)        Studiare un riparto fra Regioni in funzione dell’incidenza e non della densità abitativa. Una proposta potrebbe essere di dare anticipi e saldi a presentazione dei piani finanziati in funzione della stadiazione.

g)      Studiare la fattibilità del nostro progetto “RESTARE A CASA” che riporta diversi punti sopra riportati che si ispira ad una pratica consolidata in Sardegna da 6 anni.

 

 

Oltre trovare ulteriori 200 milioni ci preme sostenere l’imprescindibilità degli altri punti per blindare un provvedimento onde evitare distorsioni e sciacallaggio da parte delle regioni.

 

Siamo disponibili ad ascoltare le Vostre ragioni ma uscire con un documento che ci garantisca concretamente su un emendamento sulle nostre richieste.

 

Nel caso non rispondiate a questo appello vi prenderete la responsabilità di tutto quello che potrà avvenire. Noi non chiediamo elemosine, vogliamo diritti, non vogliamo vivere a tutti i costi una vita indegna.

Proprio ieri 19 novembre, abbiamo inoltre registrato l’appoggio del Governatore della Puglia, On. Nichi Vendola, che abbiamo incontrato nel pomeriggio, fra crampi allo stomaco, dolori muscolari, sbalzi di pressione e stanchezza insieme a Mariangela Lamanna Vice-Presidente dell’Ass. Comitato 16 Novembre ONLUS.
Quasi 2 ore di colloquio (che in periodo elettorale riteniamo sia un segno di grande attenzione), molto soddisfacente, nel quale Nichi ha riconfermato la piena disponibilità a sposare la causa, la battaglia e la lotta dell’Ass. Comitato 16 Novembre ONLUS e dell’Ass. Viva La Vita ONLUS PUGLIA con quali ha solidirizzato in toto.
In special modo l’abbiamo trovato concorde per ciò che concerne l’eventuale futuro riparto dei fondi: Bisognerà battersi affinchè vengano stanziati in base all’incidenza della Malattia e non tramite la statistica della popolazione residente ultrasessantacinquenne e tramite la media dell’ultimo trasferimento alle Regioni dei fondi inerenti le politiche sociali, un metodo che va assolutamente cambiato!
Abbiamo altresì colto l’occasione per puntualizzare e chiarire, con l’Assessore Regionale all’Welfare Elena Gentile, alcune criticità relative all’utilizzo del fondo già stanziato, sottolineando che è nostra intenzione monitorare costantemente i lavori affinchè neanche un euro vada sprecato, trovando piena disponibilità della stessa alla massima collaborazione.
Inoltre, oggi
ho appena parlato con la Sen. Franca Biondelli, la quale mi ha ulteriormente manifestato la sua vicinanza e solidarietà alle problematiche e vertenze dei Malati di SLA e dei Malati gravi e gravissimi, ma la NOTIZIA più importante è che OGGI alle ore 16,30 relazionerà IN AULA DEL SENATO manifestando a TUTTI I SENATORI le motivazioni per cui DOMANI saremo in presidio davanti al Ministero del TESORO in via XX Settembre. Grazie Senatrice Franca Biondelli e siamo certi che ti farai ASCOLTARE.

Giovanni Longo – Presidente dell’Ass. VIVA LA VITA ONLUS PUGLIA

Cell. 349.7388391     e-mail: vivalavitapuglia@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.