Viaggi, torna il Cantiere Internazionale d’Arte: tra Montepulciano e la Valdichiana Senese, nei luoghi appena premiati dal Governo

Dal 15 luglio al 1° agosto 2021 la 46/a edizione dell’evento: 35 appuntamenti tra concerti, performance, installazioni sonore site specific in riva al lago e tra le vigne per esplorare i territori appena riconosciuti come Paesaggi Rurali storici dal Ministero dell’Agricoltura

Concerti, performance, installazioni sonore site specific in riva al lago e tra i vigneti: dal 15 luglio al 1° agosto torna il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, manifesta di musica, opera, teatro, danza, da quest’anno sotto la direzione artistica di Mauro Montalbetti. Trentacinque appuntamenti per esplorare la Valdichiana Senese e i luoghi appena riconosciuti dal Ministero dell’Agricoltura come Paesaggi rurali storici.

Riva-Repele

Tra i progetti più innovativi ci sono le sonorizzazioni site specific, pensate per far vibrare una cantina contemporanea o una riserva naturale come il Lago di Montepulciano dove il producer Maurizio Rinaldi registra il paesaggio sonoro di un ambiente incontaminato che diventa espressione e pensiero musicale nella performance intitolata Equilibri (22 luglio); sarà invece Davide Vannuccini a lavorare con le sequenze elettroniche tra le geometrie della Cantina Dei (25 luglio).

Giunta alla 46/a edizione, la manifestazione è sostenuta da MiC, Regione Toscana, Comune di Montepulciano e Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano e rinnova la cooperazione tra giovani talenti e artisti emergenti, in un cartellone che coinvolge i Comuni di Cetona, Chianciano Terme, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda.

Un programma di sperimentazioni e spettacoli diffusi in un territorio caratterizzato da storiche coltivazioni di vite e olivo, affiancate da boschi e altre colture, in cui si annidano antichi borghi medievali. Territori che nei secoli hanno saputo difendere la propria identità agricola e oggi vantano produzioni tipiche d’eccellenza quali il vino Nobile di Montepulciano, prima Docg commercializzata in Italia. Proprio questo connubio tra natura, cultura ed economia ha consentito a Montepulciano l’iscrizione nel registro dei Paesaggi rurali storici, insieme alla vicina Pienza.

 “I paesaggi rurali storici – spiega Mauro Agnoletti, coordinatore della segreteria scientifica dell’Osservatorio nazionale del paesaggio – contengono la complessa storia di un luogo o di una regione che ancora si può leggere dalla sua composizione e struttura, dove elementi culturali e naturali sono in armonia tra loro”.

Il sindaco di Montepulciano Michele Angiolini sottolinea come “Gli autorevoli soggetti del territorio sappiano interpretare il legame tra patrimonio naturalistico, cultura, società e produzione, concentrandosi sull’integrità del paesaggio”.

La Toscana detiene il primato tra le regioni con il maggior numero di territori iscritti nel registro dei paesaggi rurali storici: oltre a Montepulciano, nella lista figurano il paesaggio della bonifica della Valdichiana e il paesaggio policolturale di Trequanda, anch’essi attraversati dal 46° del Cantiere Internazionale d’Arte.

www.fondazionecantiere.it

giovedì 22 luglio

  • 21.30 Montepulciano, Lago > Equilibri – Soundscape site specific

Maurizio Rinaldi, chitarra elettrica, laptop, live electronics

domenica 25 luglio

  • 18.00 Montepulciano, Cantina Dei > Performance Site specific: Davide Vannuccini, live electronics
  • 18.00 Petroio, Piazza San Pietro > Luigi Attademo, chitarra

Musiche di Villa-Lobos, Brouwer, Barrios Mangoré, Ponce, Ginastera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.