Una giovane cantautrice siciliana tra le possibili voci nuove di Sanremo

La nostra redazione ha sempre dato spazio ai nuovi talenti musicali e divulgato le potenzialità di giovani artisti che si trovano di fronte al mondo dello spettacolo, percorrendo i primi passi di un lungo cammino.

La nostra attenzione, stavolta, è stata rivolta ad una giovane siciliana, Giuliana Di Liberto. La giovana bagherese che canta dall’età di 4 anni, quest´anno ha partecipato alle selezioni di Area Sanremo, presentando un brano composto da lei stessa e dal fratello Ezio. La cantautrice è stata selezionata tra i 40 finalisti, dopo una scrematura fatta tra i 374 iscritti di quest’anno (tra singoli, duo e gruppi). Le selezioni della manifestazione, che si sono tenute al Palafiori di Sanremo,sono state dal 4 al 9 ottobre.
Alle selezioni della fase finale, invece, Giuliana ha partecipato dal 4 al 6 novembre sempre al Palafiori di Sanremo. La giovane artista si è trovata di fronte una giuria che vantava nomi come Mario Lavezi, Roy Paci, Elenoire Casalegno e la commissione di Sanremolab. Presto la Di Liberto sarà di nuovo in partenza, poiché dal 18 al 25 novembre avrà le ultime selezioni al Casinò di Sanremo, dove verrano scelti prima gli otto finalisti dell´accademia e poi i due che
parteciperanno alla manifestazione canora più importante in Italia (www.areasanremo).
Un altro importante tassello della giovane carriera di Giuliana è la partecipazione al concorso per il Tour Music Fest, un festival che gira in tutta Italia. L’artista bagherese si è classificata tra15 cantautori finalisti, su 4000 artisti partecipanti. Sabato 13 novembre, infatti, Giuliana ha svolto l’ultima selezione che ha deciso chi dovrà approdare sul palco dell´Atlantico di Roma (ex Palacisalfa). La commissione artistica di questo festival gode di nomi prestigiosi come Mogol (presidente di giuria), Marcello Balestra (direttore artistico della Warner Music Italia), Giampaolo Roselli (discografico dell Sony BMG) e tanti altri. Giuliana è stata scelta per la finale del tuor in questione e, infatti, partira il 27 novembre per Roma per cantare all’Atlantico durante la manifestazione che verrà trasmessa su Matchmusic e alla quale saranno presenti i rappresentanti di molte major discografiche italiane( www.tourmusicfest.it ).

Noi l’abbiamo incontrata.

Giuliana, come ci si sente a rappresentare Bagheria e la Sicilia alle selezioni per accedere al festival di Sanremo?
E’ un’emozione fantastica. E’ vero, in ogni selezione che faccio rappresento me stessa perchè porto la mia musica e in fondo io non sono altro che il frutto delle mie radici, della mia terra, quindi porto sempre con me tutte queste sensazioni.

Da dove nasce l´amore per la musica e per l´arte che ti hanno fatto coltivare le doti canore che oggi il pubblico conosce?
La passione per la musica è nata e cresciuta con me sin dalla piccola età di 4 anni. In più ho alle spalle una famiglia che mi ha sempre stimolato e mi ha sempre lasciata libera di scegliere. Pensa che per un genitore non è facile vedere la figlia di 12 anni che canta nei pub palermitani e torna a casa alle 4 del mattino per poi l’indomani mattina andare alle scuole medie alle 8 in punto. Ma mai nessuno mi ha ostacolato. Ho sempre saputo che oltre a coltivare l’arte dovevo anche studiare. Infatti ho sempre studiato nella vita, canto, chitarra, piano, musica jazz, e mi sono anche laureata. In più dalla passione in comune con mio fratello Ezio, persona fondamentale nella mia vita, con il quale ho iniziato a cantare e fare serate e con il quale ancora oggi scrivo brani musicali.
Il tuo percorso artistico nasce insieme a tuo fratello Ezio, che ruolo ha oggi lui nel tuo viaggio musicale?
Come dicevo prima, il rapporto con Ezio è qualcosa che in pochi hanno. Con lui sono nata e cresciuta soprattutto a livello musicale. Mio fratello è la persona che meglio mi conosce, che conosce i mie gusti, i miei pregi e difetti. Lui è molto critico con me e sa anche farmi da guida in quello che faccio. Scriviamo insieme e questo crea il rapporto ancora più intenso.
Questi concorsi canori ai quali hai partecipato oltre a darti maggiore notorietà cosa ti hanno insegnato?
Fare i concorsi è una scuola fantastica. La cosa che mi hanno insegnato è lottare per la propria passione. Ma comunque rimanere sempre umile e con i piedi per terra. Un’altra cosa è il confronto con gli altri artisti che ti aiuta ad autovalutarti e autocriticarti.
Se dovessi vincere uno di questi concorsi a chi dedicheresti la vittoria?
Prima di tutto c’è la mia famiglia e il mio ragazzo Filippo che mi hanno sempre sostenuta e lasciata libera di scegliere. Ma poi ci sono due persone che non finirò mai di ringraziare e che condividono con me le sconfitte e le vittorie. Una è mio fratello Ezio, e un’altra è Riccardo Piparo, un caro amico mio, che si è dedicato a tutti i miei lavori arrangiandoli. Lui si è mosso solo per la passione della musica. Questo è il mio team di lavoro. Io penso infatti che la forza di una persona sta nella forza di gruppo.

Giusy Chiello

Redattrice- giusy.chiello@ilmiogiornale.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.