Ultime

Ultima giornata de “L’Ora di Teatro – Un Sipario aperto sul Sociale” a Montecarlo (LU)

Pin It

Domani, 20 dicembre 2015, settima ed ultima giornata del VII Festival Nazionale Città di Montecarlo “L’Ora di Teatro – Un Sipario aperto sul Sociale” organizzato dalla F.I.T.A. Provinciale di Lucca in collaborazione con il Comune di Montecarlo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

 

Domenica 20 dicembre 2015 – Dalle ore 16

Teatro dei Rassicurati / Montecarlo

 

Alle ore 16: in concorso

Associazione Culturale Compagnia del Calzino / Zola Predosa (Bologna)

Auntie & Me – Zietta e iodi Morris Panych (traduzione Valentina Rapetti)

Compagnia del Calzino_spettacolo teatrale Auntie and MeLo spettacolo

Kemp apprende da una lettera che l’anziana zia Grace, di cui conserva solo un vago ricordo d’infanzia, è moribonda. Abbandona quindi quel poco di messa in scena che regge la sua vita per correre al suo capezzale, nella speranza (a tratti malcelata) di mettere le mani sull’eredità dell’anziana parente. Appare chiaro fin da subito che l’anziana Grace conduce una vita tutt’altro che lussuosa, e che ha probabilmente sempre vissuto una vita povera e solitaria; ma Kemp sembra non accorgersene, impegnato a recitare la parte del nipote premuroso, intento a recuperare quegli affetti famigliari che non ha mai avuto e che ora paiono completamente riassunti nel flebile filo che lo lega alla zia. La veglia tuttavia si prolunga: le stagioni si susseguono, la zia sembra godere di una salute assai migliore del previsto, e i due si trovano a “convivere” ben più a lungo di quanto Kemp si aspettava. Prende avvio tra i due una schermaglia dall’irresistibile humor nero: lui cerca in ogni modo di convincerla che DEVE morire (arrivando a progettare di ucciderla), mentre la presenza del nipote sembra inspiegabilmente far ringiovanire la taciturna Grace, che trae dalla presenza del nipote nuove ragioni per aggrapparsi alla vita. Nell’esilarante trascorrere dei giorni e delle stagioni, i due finiscono per tracciare un quadro assolutamente disincantato di loro stessi, finendo per mostrarsi per ciò che sono: un uomo solo alla perenne ricerca di se stesso e di quell’affetto che gli è sempre stato negato, e una donna anziana abbandonata al proprio destino di solitudine, di cui sembra ricordarsi solo quel nipote che ne desidera ardentemente la morte.

Con Silvia Marchetti / Grace • Andrea Ramosi / Kemp

Regia di Silvia Marchetti

 

A seguire, alle ore 17:45 circa, il Laboratorio

Laboratorio Progetto “Metti il Bullo nella Bolla”

Classe II F del Polo Scientifico Tecnico Professionale “E. Fermi – G. Giorgi”

Performance teatrale ispirata al romanzo “Il Signore delle mosche” di William Golding

Lo spettacolo

Gli unici sopravvissuti ad un disastro aereo sono un gruppo di ragazzi inglesi di buona famiglia borghese. I ragazzi all’inizio sono molto spaesati e si vedono costretti a vivere in un’isola deserta. Cercano di sopravvivere nel disperato tentativo di auto-organizzarsi e governarsi con regole precise, ma la situazione precipita in breve tempo.

Dapprima, i ragazzi decidono di eleggere un unico leader, Ralph, un ragazzo con grandissime doti di intelligenza che diventa, sin da subito, il punto di riferimento per tutti i sopravvissuti. Ralph cerca di trovare delle soluzioni per attirare possibili soccorsi, ma tutto il suo pensare e creare non riesce ad ottenere i risultati sperati. Comunque non si dà per vinto e coordina la vita dei ragazzi sull’isola, l’organizzazione, la difesa del fuoco, la creazione dei rifugi, la scelta delle leggi.

La quiete di leader per Ralph dura poco, difatti un altro personaggio cerca di prevalere sul gruppo; il ragazzo si chiama Jack, vuole convincere gli altri superstiti a stare con lui, occupandosi della quotidianità, cacciando e procurando cibo. La situazione precipita quando i giovani intravedono un presunto mostro che vivrebbe all’interno dell’isola, un demone ignoto ancestrale che terrorizza tutti rendendo la vita sempre più terribile. I cacciatori a quel punto decidono di lasciare come tributo un macabro totem, una testa di maiale mozzata lasciata da Jack come offerta alla bestia che con il tempo si riempie di larve di mosche e che prenderà il nome di “Signore delle mosche“.

Con Bertolucci Samuele, Bonafoni Simone, Degl’Innocenti Stefano, Del Carlo Fabio, Gabrielli Andrea, Gianni Alessio, Paganucci Nicolò, Pieretti Andrea, Rabazzi Lorenzo, Ragghianti Andrea, Salani Alessandro, Stefanets Igor, Tayachi Amin, Tocchini Leonardo

Regia di Costantino Buttitta e Giovanni Fedeli

 

Al termine, intorno alle ore 18:30/18:45, si svolgerà la cerimonia di premiazione del Festival Nazionale “L’Ora di Teatro”.

 

Informazioni di servizio

Il biglietto d’ingresso costa € 6,00.

Per informazioni e prenotazioni, si può contattare Rita al numero 320/6320032 o alla casella di posta elettronica fitalucca@gmail.com.

Tutti i programmi delle rassegne teatrali organizzate dalla F.I.T.A. Lucca sono consultabili sul sito www.fitalucca.it

 

Fonte F.I.T.A. Lucca

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*