Toronto: l’obliteratrice del metro si rompe. I cittadini pagano lo stesso

Toronto: l’obliteratrice del metro si rompe. I cittadini pagano lo stesso

 

 

20131109_torontometro

Grande esempio di senso civico e rispetto quello raccontato da un napoletano, residente in Canada da circa vent’anni,  e intervistato dal giornale “Il Mattino” che ha raccontato un fatto accaduto a Toronto.
“L’onestà degli ormai miei compatrioti canadesi non cessa di sorprendermi”- spiega l’uomo-”“Se una cosa del genere non l’avessi vista con i miei occhi, non ci avrei mai creduto” continua.

Il fatto è accaduto alla stazione della metropolitana di Toronto dove un’obliteratrice si era guastata e, senza che nessun agente o nessun cartello lo richiedesse, i passeggeri hanno lasciato, comunque, i soldi per i loro biglietti proprio sopra l’obliteratrice rotta e nessuno si è astenuto dall’azione e tanto meno nessuno ha osato rubare il denaro lasciato lì in bella vista. “Il tutto senza che nessuno si sorprendesse dell’atto di profonda civiltà e senza che nessuno toccasse un centesimo” racconta piacevolmente sorpreso il napoletano trapiantato in Canada.

Certamente un gesto più unico che raro in una società odierna dove molto spesso queste azioni non sono assolutamente prese in considerazione e agiamo solo seguendo i nostri scopi personali senza preoccuparsi delle conseguenze.
Anche se di pochi spiccioli i Canadesi si sono comunque preoccupati di lasciare i soldi che dovevano pagare per farsi il biglietto sopra il macchinario fuori servizio mentre, in Italia, è già qualcosa se qualcuno, il biglietto, lo compra.
Speriamo almeno che quest’azione non rimanga un caso isolato canadese, ma che piuttosto gli altri paesi, noi compresi, prendano esempio da questo fatto e si cominci ad avere più rispetto verso il prossimo e anche verso i servizi pubblici e, sopratutto, più senso civico.

Lorenzo Toninelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*