Sulle tracce di Montalbano: BCsicilia visita i luoghi del celebre Commissario di Vigata

Alla scoperta di Vigata, Marinella e Montelusa, una lunga passeggiata nelle stesse strade in cui indaga il celebre Commissario reso famoso dalla penna di Andrea Camilleri. Scorci pittoreschi e straordinari, nel sud est della Sicilia, fanno da cornice ai luoghi dove è ambientato la serie che ha come protagonista Salvo Montalbano. Un viaggio organizzato da BCsicilia e da ATC dal 20 al 22 maggio 2022 per scoprire i principali luoghi della celebre fiction, conoscere la storia e le tradizioni locali e visitare i magnifici monumenti barocchi di Ragusa Ibla, Scicli e Modica città dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

La casa di Montalbano


La Partenza da Palermo e Termini Imerese è prevista venerdì 20 Maggio con arrivo a Punta Secca dove si trova la bellissima Casa di Montalbano  con la magnifica terrazza affacciata sul mare. Passeggiata sul lungomare di Marinella per ammirare la spiaggia amata da Salvo e il grande faro costruito nel 1853 dalla Marina, ma anche la Trattoria Enzo a Mare dove il Commissario mangia spesso piatti a base di pesce: rigorosamente in silenzio.
Nel pomeriggiotappa a Modica, antica città Capitale di Contea, ricca di stupendi monumenti, grandi tradizioni culinarie e set dei episodi del commissario Montalbano. Qui arriva Livia, la bionda compagna di Montalbano con la corriera, davanti il superbo Duomo di San Giorgio. La chiesa si affaccia su un grande giardino pensile che si arrampica fino al sagrato della chiesa. In una parte di quel giardino è stata ambientata la casa del dottor Pasquano, lo scontroso medico legale della serie televisiva. In “Tocco d’artista” Montalbano va a trovare il medico nella casa: dopo il solito scambio colorito Pasquano si augura, prima o poi, di poter fare l’autopsia al Commissario.

Commissariato di Vigata


Il giorno successivo, sabato 21 maggio, partenza per Scicli. Passeggiata per via Francesco Mormino Penna, strada principale del paese presente in molte puntate del telefilm e visita al Commissariato di Vigata, in realtà sede del Comune. All’interno si trovano gli uffici di Salvo Montalbano e dei suoi colleghi: il vice commissario Domenico “Mimì” Augello, donnaiolo impenitente, l’ispettore capo Giuseppe Fazio, serio e ligio al dovere, lo spericolato agente scelto Galluzzo e il goffo agente tuttofare Agatino Catarella. A Scicli è stato montato pure il set della Questura di Montelusa che è Palazzo Iacono. Passeggiando tra i suggestivi vicoli del centro si riconosceranno molti luoghi e monumenti visti nella celebre fiction.
Nel pomeriggio partenza per Sampieri dove si trova la fornace Penna che un tempo produceva tegole. Nella fiction invece viene indicata come una tonnara: è la celebre Mannàra.
Il giorno successivo, domenica 22 Maggio, passeggiata per Ragusa, la stupenda cittadina barocca Patrimonio dell’Umanità. Moltissimi sono gli scorci che hanno arricchito di fascino le interpretazioni di Salvo Montalbano e colleghi. Nel quartiere di Ibla si trova la Piazza di Vigata davanti lo straordinario Duomo di San Giorgio, che ritorna in molti episodi della serie tv. Sempre sulla stessa piazza si affaccia il Circolo di Conversazione, ospitato all’interno di un suggestivo palazzo in stile neoclassico, luogo dove ama giocare a carte il dottor Pasquano, in cui Montalbano va spesso a rompere i cabbasisi. Poco distante dal Circolo, a Piazza Pola, per alcuni episodi è stato trasferito il Commissariato di Vigata ospitato nel palazzo della Direzione Municipale. La strada che unisce questi luoghi, Corso XXV Aprile, è spesso percorsa da Montalbano e dagli altri personaggi. Lungo la via si trova la Chiesa di San Giuseppe, set di numerose scene, ma anche, nei pressi, la Trattoria da Calogero (vero nome “A’ Rusticana”), luogo in cui Montalbano, nei primi episodi della serie tv, è solito mangiare.
Nel pomeriggio partenza per il Castello di Donnafugata. Nell’imponente e elegante dimora ottocentesca è ambientata la villa del capomafia Balduccio Sinagra. È qui che Montalbano si reca per i suoi criptici dialoghi con l’anziano boss. Visita alle sale interne, tra cui quella degli Specchi e quella degli Stemmi. Il labirinto all’interno del parco è, invece, stato scelto per alcune scene de “La gita a Tindari”. Alle ore 16,30 la partenza per Termini Imerese e Palermo.
Per informazioni ed iscrizioni Tel. 091.8112571 – 346.8241076. Email: provinciapalermo@bcsicilia.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.