Ultime

Il calesse della principessa: straordinario reperto etrusco dei Musei Senesi

Pin It

Appuntamento da non mancare domani, sabato 7 febbraio, alle ore 17.30 all’Antiquarium di Poggio Civitate di Murlo (Siena)        

Il calesse della principessa: alla scoperta di uno straordinario reperto etrusco dei Musei Senesi

Un laboratorio aperto al pubblico per presentare il restauro del carro in ferro e bronzo conservato nel Museo di Palazzo Corboli di Asciano.  L’intervento è realizzato da Fondazione Musei Senesi grazie al contributo del Comune di Asciano, della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, all’insostituibile collaborazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e del Comune di Murlo, che ospita il carro nella fase di restauro.

 

reperti archeologici etruschiAnche nel mondo antico le principesse viaggiavano in calesse. Ecco che cosa racconta lo straordinario reperto che verrà presentato domani, sabato 7 febbraio, alle ore 17.30 nel laboratorio di restauro annesso al Museo Archeologico di Murlo. La giornata di laboratorio aperto al pubblico consentirà di raccontare lo stato di avanzamento dell’intervento di restauro, all’interno del gabinetto di restauro specializzato allestito accanto al Museo Archeologico di Murlo – uno spazio funzionale unico che, insieme al Centro di Restauro di Chianciano Terme, costituisce un punto di riferimento per la conservazione del patrimonio archeologico delle Terre di Siena.

L’intervento è realizzato da Fondazione Musei Senesi grazie al contributo del Comune di Asciano, della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, all’insostituibile collaborazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e del Comune di Murlo, che ospita il carro nella fase di restauro.

Il carro in ferro e bronzo proviene da una tomba a camera della fine del VII secolo a. C. in località Poggione (Castelnuovo Berardenga), scavata all’inizio degli anni Ottanta, e appartiene alla collezione archeologica del Museo di Palazzo Corboli di Asciano, una delle sedi espositive più prestigiose del territorio senese. La tomba principesca del Poggione (denominata ”Tomba A”) conteneva la deposizione di due individui, un uomo e una ragazza e i loro ricchi corredi, attualmente esposti ad Asciano. Gli oggetti che accompagnavano i defunti caratterizzavano il loro status: armi, scudi, gratelle per cucinare la selvaggina, coltelli, delicatissimi vasi potori per lui, oggetti d’avorio, come una pisside e un pettine per lei, molti rocchetti da usare per la filatura, fibule e altri monili preziosi. Dalla stessa tomba proviene anche il calesse presentato nell’occasione, di cui restano moltissimi frammenti in ferro e in bronzo, che dovevano decorare la struttura lignea.

“La deposizione di carri e calessi nelle tombe di età orientalizzante e arcaica nelle tombe dell’Italia centrale (non solo Etruria, ma anche Latium Vetus, agro falisco, Sabinia, Umbria e ambito Piceno) dimostra un forte legame con le ideologie delle aristocrazie gentilizie – afferma Silvia Goggioli, funzionario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e direttrice del restauro con Giovanni Roncaglia e Franco Cecchi – I carri ritrovati in tombe etrusche e italiche ad oggi, infatti, sono circa 280 – fra questi anche il carro di Montecalvario, esposto al Museo Archeologico di Castellina in Chianti, altro museo del circuito senese, e recentemente restaurato. I calessi, o carpentum, in particolare in Etruria, presentano due ruote e sono guidati ad andatura lenta, stando seduti, con un baldacchino sulla cassa e un tiro a due, di asini o cavalli. La loro deposizione nelle tombe si associa per lo più alle sepolture di donne di alto lignaggio e ricorre nelle tombe a camera fin dall’ultimo quarto dell’VIII secolo a.C.”

Le raffigurazioni etrusche mostrano l’impiego del veicolo in cerimonie nuziali, anche se si presume che doveva essere usato anche in altre occasioni della vita quotidiana.

Proprio nel Museo di Murlo, che conserva i resti del palazzo arcaico di Poggio Civitate – un rarissimo esempio di città viva e non di necropoli etrusca – è conservata una lastra a bassorilievo, in terracotta, che illustra un calesse con alcuni servi che coprono la coppia con un ombrellino, secondo un’iconografia che si ritrova anche nel rilievo del lontano palazzo di Serse a Persepoli. Non dimentichiamo che ancora oggi, nei matrimoni indiani, l’elegante sposa arriva sul luogo della cerimonia su un calessino, con il capo coperto da un velo e i servi che la proteggono dal sole con un ombrello.

Il progetto scientifico, elaborato dalla Soprintendenza Archeologica della Toscana, si è avvalso del contributo degli architetti senesi Claudio Mancianti e Massimo Marini e delle restauratrici Adria Coscia e Mara Cavallaro. Un intervento complesso che, partendo dalla miriade di frammenti rinvenuti, ha richiesto un lungo e attento studio preliminare per distinguere, in base al degrado, i vari materiali e le funzioni delle diverse parti (decorative o strutturali). L’ipotesi ricostruttiva ha consentito, grazie al confronto con esempi simili e storicizzati, di raccogliere molte inedite informazioni sul reperto, che verrà ricomposto su un modello in scala 1:1 sulla base dei dati tecnici rilevati e che, a intervento concluso, permetterà un riallestimento ad hoc nel Museo di Asciano.

In caso di neve l’evento potrebbe essere rimandato a data da definirsi.

Tutte le attività della Fondazione Musei Senesi sono consultabili sul sito internet www.museisenesi.org, seguendo su Facebook Fondazione Musei Senesi o su Twitter @museisenesi

 

 

Ufficio Stampa:

Agenzia Freelance per Fondazione Musei Senesi

Sonia Corsi – Agnese Fanfani

info@agfreelance.it; www.agfreelance.it

su facebook: Agenzia Freelance – su twitter: AgFreelanceNews

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*