Ultime

Raccontonweb – Speciale Vigilia di Natale: “Siru su barboni” di Veronica Atzei

Pin It

Cari amici, visto il periodo festivo, questa settimana abbiamo pensato di raddoppiare l’appuntamento con la nostra rubrica dedicata ai “racconti web”.

Oggi, vigilia di Natale, vi proponiamo dunque un racconto in sardo che calza proprio a pennello, scritto e tradotto in italiano dalla nostra Veronica Atzei.

Domani, invece, ci sarà un nuovo appuntamento con L’angolo di Full: non mancate!

Siru su barboni

In s’interis chi ddi spingiant sa barella in su pronto socorso, Siru su barboni ddus iat intèndius chistionendi. Su grassu iat nau: “Ocannu puru no mi-ndi campu, notesta mi perdu sa cena in domu de sorga mia, ma cras dda tèngiu a prandi a domu…”

Su marriu iat arraspustu: “Eh càstia, deu custas festas no ddas suportu. Sa picioca mia m’at fatu sa conca a àcua ca de arragallu boliat una borseta, ma seu siguru ca candu at abertu s’imboddiameddu at a ai murrungiau ca su colori no ddi praxit…”

Siru su barboni iat pentzau: “Custas festas! sèmpiri trèulu portant…e su nai ca chi cussu piciocu totu beni bistiu no m’essit scallau is figaus cun d-una puntada de pei, po mei, custa Paschixedda, chentza de fèmina e chentza sorga, iat a essi stètia perfeta…”

Siro il barbone

Mentre spingevano la sua barella al pronto soccorso, Siro il barbone li aveva sentiti parlare. Quello grasso aveva detto: “Anche quest’anno non me la scamperò, stanotte mi perdo la cena da mia suocera, ma domani viene a pranzo da me…”

Quello magro aveva risposto: “Eh guarda, io queste feste non le sopporto. La mia ragazza mi ha ossessionato per avere come regalo una borsetta, ma sono sicuro che quando ha aperto il pacchetto si è lamentata perché il colore non le piace…”

Siro il barbone aveva pensato: “Queste feste! Portano con sé sempre confusione…e dire che se quel ragazzo così ben vestito non mi avesse sfasciato il fegato con un calcio, per me, questo Natale, senza donna e senza suocera, sarebbe stato perfetto…”

Pin It

1 Trackback & Pingback

  1. Micro-contu | Ivo Murgia

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*