Ultime

Sicilia: L’ecomostro del lido Olivella di Porticello

Pin It

Circa due anni fa i nostri collaboratori Elisa Martorana e Daniele Cangialosi hanno realizzato un video denuncia su una spiaggia siciliana una volta molto bella e frequentata da tanti turisti: “L’Olivella di Porticello”.

Un pescatore del luogo, Pietro Balisteri, ha raccontato loro la storia di questo lido, una volta fonte di reddito per i proprietari  ma anche di turismo territoriale per la Sicilia.

Il lido Olivella, che faceva concorrenza anche al lido di Mondello era caratterizzato dalla presenza di casette di legno, i cosiddetti “cammarini”, un bel ristorante che accoglieva turisti e bagnanti del luogo nel periodo estivo e d’inverno  ospitava gli invitati di matrimoni ed eventi di vario genere.

Con gli anni però quest’idillio è stato interrotto dalla creazione di una struttura di cemento che avrebbe dovuto sostituire il lido vecchio stampo, e che secondo il pensiero del proprietario avrebbe portato una situazione migliore. Ma non è stato così. La struttura infatti è stata sequestrata. Il cemento ha rovinato la bellezza della spiaggia e della scogliera di Porticello: un scempio!

Il presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, subito dopo la sua elezione aveva effettuato un sopralluogo e aveva promesso di distruggere l’ecomostro di cemento, ma da allora nessuno lo ha più visto nella zona di Porticello.

Vi  abbiamo presentato questa notizia come premessa di un’indagine che faremo nei prossimi giorni. Cercheremo di risopondere ad alcuni quesiti che ci siamo posti. In che condizioni è adesso l’ex Lido Olivella? L’amministrazione comunale si è mai interessata al problema? E la Regione Sicilia dopo l’intervento del Presidente che posizione ha deciso di prendere? Proveremo a fornire delle risposte nei prossimi giorni.

 

Giusy Chiello

Redattrice – giusy.chiello@ilmiogiornale.org

Video: Daniele Cangialosi e Elisa Martorana

Pin It

1 Trackback & Pingback

  1. Santa Flavia (Pa): Il Mercato del contadino e la valorizzazione di Porticello | ilmiogiornale

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*