Serie A, 14° giornata: Napoli capolista, tonfo Roma

20151130_napolivetta

Campionato di Serie A sempre più spettacolare, ricco di colpi di scena e sorpassi, che terrà tutti i tifosi con il fiato sospeso fino all’ultimo verdetto. La giornata inizia alle 18 del sabato, con il Torino che ospita il Bologna. I granata si imporranno per 2-0, grazie al primo centro stagionale di Belotti ed il gol di Vives. Alle 20.45 a San Siro andava in scena Milan-Sampdoria. I rossoneri trascinati da un Niang in forma smagliante si impongono per 4-1. Il giovane francese prima serve l’assist a Bonaventura, poi si mette in proprio e segna una doppietta, a chiudere le marcature nel finale ci pensa Luiz Adriano. Il più classico dei gol della bandiera quello di Eder, con un Milan ritrovato e che punta nuovamente alle parti alte della classifica. La giornata si sposta domenica alle 15, con Roma-Atalanta come partita più importante. All’ Olimpico va in scena una bella partita, che vede la Dea comandare ed imporsi per 2-0. Prima El Papu Gomez segna grazie ad una svista di Digne, poi chiude le marcature Maxi Moralez su rigore, dopo un brutto fallo di Maicon.

Roma che dopo la grande sconfitta di Champions deve riassettarsi e ripartire. A Verona va in scena Chievo-Udinese, partita spettacolare che si chiuderà con il risultato di 2-3 in favore degli ospiti. Paloschi apre le marcature, poi i bianconeri pareggiano con l’ autogol di Frey e si portano in vantaggio con Thereau. La rivelazione Inglese ristabilisce la parità, prima del gol di Therau che sancisce il definitivo 2-3. A Frosinone va in scena la più classica delle partite da bassa classifica, i ciociari vincono 3-2 contro l’Hellas Verona sancendo l’esonero di Mandorlini. Sblocca Ciofani su rigore,dopo una folle gomitata di Rafael, poi sarà sempre il bomber a segnare il secondo gol. Dionisi segna il terzo gol, prima della reazione del Verona, che con Viviani e Moras si avvicinano,ma non abbastanza da ristabilire la parità.

A Genova i rossoblu ospitano il Carpi, rimanendo subito in 10 per l’espulsione di Pavoletti dopo una folle gomitata. Il Genoa però si porta in vantaggio con Figueireas, ma con il passare dei minuti non riesce a reggere l’inferiorità numerica, e prima Boriello, poi Zaccardo, sanciscono il definitivo 1-2 in favore del Carpi. Alle 18 della domenica la Lazio va ad Empoli per riprendersi dopo un periodo di forma altalenante. I toscani però hanno intenzioni diverse, infatti dopo pochi minuti Tonelli con un tuffo di testa porta avanti i padroni di casa, che poi difenderanno il vantaggio, anche grazie a qualche errore della terna arbitrale, e si porteranno a casa i 3 punti. Alle 20.45 la Juventus va a Palermo per risalire la classifica ed arrivare nelle zone alte della classifica. I bianconeri vinceranno 0-3, nonostante un primo tempo giocato non a livelli eccellenti, ma trovando i gol di Mandzukic,Sturaro e Zaza. Il lunedì ultime due partite di giornata, con la Fiorentina in trasferta contro il Sassuolo e Napoli-Inter. Al Mapei Stadium la partita finirà con il risultato di 1-1, grazie alle reti di Borja Valero e Floccari, in una partita avvincente e ben giocata da entrambe le tifoserie, anche se i viola possono recriminare per alcuni errori arbitrali. Alle 20.45 al San Paolo va in scena la partita per prendersi la testa della classifica. Il Napoli trascinato da Higuain,che segnerà una grande doppietta, e salvato da Reina e i legni si prenderà la testa della classifica, ma l’ Inter non sfigura, e anche il 10 uomini lotta per il pareggio fino in fondo. Serie A che è sempre più avvincente con le prime posizioni della classifica divise da pochi punti e con possibili colpi di scena e rovesciamenti.
Ecco la classifica delle prime posizioni:Napoli 31,Inter 30,Fiorentina 29,Roma 27,Juventus 24,Milan e Sassuolo 23.
Iacopo Nathan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*