Sarà una Roma ladrona o una Lega che frega?

Sarà una Roma ladrona o una Lega che frega?

di Giusy Chiello

Sarà una Roma ladrona o una Lega che frega?, questo il dilemma che si trova nelle menti di tanti italiani in questi ultimi giorni.

Governo ladro!, Roma Ladrona!, questi gli slogan proclamati da Bossi e i suoi nella lotta alla realizzazione dello Stato Padano. Eppure questo Stato idilliaco senza nessuno che frughi nelle tasche degli altri come faceva ed ha sempre fatto, a parer loro, la capitale e chi per lei, fino ad ora non è riuscito a realizzarsi. Le fondamente di quel mitico disegno costituzionale capeggiato da Umberto Bossi sembra essere, almeno per ora, fondato su basi davvero fragili.

I nostri cari leghisti a quanto sembra predicano bene e razzolano male in base alle ultime scoperte. Sembra, infatti, che gli accusatori dei furti agli italiani siano ladri essi stessi. Le casse della Lega Nord sono state trafugate per interessi personali, anche se nessuno dei protagonisti dichiara di essere colpevole. Soldi pubblici utilizzati per scuole private, case di lusso, e chi più ne ha più ne metta.

Ma gli altri partiti politici cosa ne fanno di queste ingenti somme di denaro? magari non ne hanno fatto lo stesso uso dei padani, ma il fatto che si tratta di somme esorbitanti è innegabile e che tante cose di non strettamente necessarie al partito probabilmente  saranno state fatte.

Ci voleva lo scandalo della Lega per far capire ai nostri governanti che forse i finanziamenti ai partiti sono esagerati, eccessivi e forse superflui, anche se gli stessi politici ritengono inaccettabile la scelta di abrogare i finanziamenti ai partiti.

“Sarebbe un errore drammatico” per la triade Bersani, Alfano, Casini.

Ma i cittadini cosa ne pensano? Vorrebbero che si attuasse quello che già avevano votato nel 1993? Beh, per alcuni, forse, il loro parere è superfluo.

Foto: L’inkiesta.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*