Ultime

“Vivere il Coraggio”: sabato a Galatone (LE) una giornata nel nome di don Tonino Bello

Pin It

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Sono passati oltre vent’anni dal 20 aprile 1993, giorno in cui il Vescovo don Tonino Bello diede l’ultimo colpo d’ala su questa terra in direzione del cielo. A distanza di oltre vent’anni dal dies natalis di don Tonino Bello, le impronte dei suoi passi, l’eco delle sue parole e il germogliare della sua semina hanno acquisito ancora più valenza.

Sabato 8 marzo 2014, a Galatone (Lecce), sarò relatore:

  • alle ore 10,00, presso l’Aula Magna dell’I.I.S.S. Enrico Medi. Titolo della relazione “Vivere il Coraggio: dialogo con il pianeta Scuola nel nome di don Tonino Bello”;
  • alle ore 16,30, presso la Chiesa Maria SS. Assunta. Titolo della relazione “Vivere il Coraggio: dialogo con il pianeta Volontariato nel nome di don Tonino Bello”.

Perché parlo nel nome di don Tonino Bello? Non è facile da spiegare. Viceversa, è per  me facilissimo sottoscrivere completamente il pensiero di Edoardo Winspeare su don Tonino Bello:

“Da quando è morto  sono accaduti degli avvenimenti che mi hanno guidato alla scoperta della sua figura e quello che mi si è rivelato è un uomo come dovrei essere io, come potremmo essere tutti, credenti e non credenti. La sua vita straordinaria mi ha fatto capire la bellezza della santità quotidiana. Ma il regalo per cui gli sono immensamente grato è l’evidente prova con la sua esistenza che un uomo solo, innamorato dei suoi fratelli umani, può fare la differenza, eccome se la può fare”.

E ancora, per me sarà motivo di grande gioia ripetere a voce alta, in una Scuola e in una Chiesa di  Galatone, una meravigliosa esortazione di don Tonino Bello:

“Coltivate i sogni diurni, quelli che si fanno all’alba e che si realizzano. Non sono utopie: sono eutopie. Non sono il non luogo, ma sono il buon luogo, il luogo dove veramente  si sperimenta la felicità”.

Francesco Lenoci

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*