Ultime

Riflessioni banali… ma non troppo

Pin It

La saggezza non di rado è riposta nel domandarsi per sapere

 

di Ernesto Bodini
(giornalista scientifico)

Ad ogni evento politico e sociale solitamente si è portati a fare delle considerazioni, più o meno obiettive, ma spesso mai precedute da sagge riflessioni che, in non pochi casi, potrebbero essere motivo di razionalità ed obiettività. Ma tant’é. L’essere umano per antonomasia è spesso incoerente e impulsivo, ed ancor peggio pecca di quella ignoranza “attiva” che lo allontana sempre più da ogni forma di umana socializzazione, utile ad una vita civile e di sana convivenza. Per queste ragioni mi permetto di proporre una serie di “riflessioni” con lo scopo di far riemergere il nobile “pregio” della coerenza dopo aver condiviso, almeno in parte, quanto elencato.

 

Avete notato che…

 

… soprattutto ai giovani intervistati, quando viene chiesto qual è il loro personaggio preferito generalmente individuano una star dello spettacolo o dello sport, e quasi mai un personaggio che ha contribuito allo sviluppo della scienza e dell’umanità?

 

… sono sempre più i giovani che ambiscono ad entrare nel mondo dello spettacolo e della moda?

 

… nonostante i quotidiani avvenimenti di cronaca nera e giudiziaria ogni commento in proposito appare retorico, se non superfluo, al lettore o telespettatore?

 

… il termine “razza” continua ad essere comunemente usato riferendosi alle persone (e non solo) agli animali?

 

… ci sono ancora molte persone (anche istruite) che non conoscono i principali elementi della Costituzione della Repubblica?

 

… molto spesso nel discorrere e nell’agire quotidiano si antepone quasi sempre la parola diritto anziché dovere?

 

… nei dibattiti pubblici (convegni, conferenze, etc.) chi intende intervenire quasi mai si presenta anagraficamente, omettendo anche il ruolo inerente all’argomento in discussione?

 

…  oggi sono sempre più usate le parole “giustizia” e “ingiustizia” quasi all’unisono?

 

… la divisa di rappresentanti di Istituzioni pubbliche, qualunque essa sia, incute ancora una sorta di timore nelle persone oneste?

 

… con troppa facilità alle persone si attribuisce il termine “eroe” quando di eroico non sussiste nulla?

 

… che ai talk show e programmi televisivi di spettacolo non mancano quasi mai “ospiti” anche i bambini, alcuni dei quali, hanno già un “eccessivo” atteggiamento mimico e verbale da adulti?

 

… in molte Aule di Tribunale, relativamente all’insegna posta sulla parete “La legge è uguale per tutti”, scritta rigorosamente in stampatello maiuscolo la E verbo è apostrofata (E’) mentre in altre è accentata (È)?

 

… sempre più spesso si tende ad enfatizzate “coraggiose” azioni definendole atti di eroismo?

 

… in Italia per esercitare una qualunque libera professione è richiesto il diploma di laurea e l’iscrizione al relativo Albo professionale, ad eccezione della professione giornalistica (regolata da una apposita legge dello Stato) per la quale è d’obbligo solo l’iscrizione all’Albo ma non è indispensabile esibire alcun titolo accademico?

 

… le Istituzioni e i mass media informano sull’entità dei beni (mobili e immobili) sequestrati alla criminalità, ma quasi mai come vengono utilizzati tali beni, specie se si tratta di denaro?

 

… rispetto a non molti anni fa sono sempre di più le persone che tendono a delinquere indipendentemente dal rischio della pena e dal fatto di essere citate dai mass media?

 

… nessuno sinora ha considerato di dover valutare la professionalità delle persone che esercitano attività di volontariato soprattutto in ambiti sanitari e socio-assistenziali?

 

… quando i politici offendono pubblicamente i rivali innescando roventi polemiche, subito dopo si scusano sostenendo di aver fatto una battuta o addirittura che l’affermazione è stata mal interpretata?

 

… ad ogni convention politica pubblica una parte degli astanti non segue gli interventi dei relatori che si alternano sul pulpito, distraendosi in diversi modi?

 

… solitamente Fondazioni e Associazioni vengono fondate dopo che gli “interessati” hanno subìto un’esperienza che ne ha “motivato” tale proposito?

 

… nessuno ci ha mai spiegato perché i Parlamentari sono quasi mille tra Senatori e Deputati, e che non si è mai capito con quale criterio vengono stabiliti i loro lauti stipendi?

 

… paradossalmente l’Italia del dopoguerra, con tutte le sue carenze, era più “vivibile” rispetto ad oggi?

 

… il “tarlo” della burocrazia nel nostro Paese è sempre più radicato nonostante la nascita di molte Associazioni e Movimenti preposti (per la verità non tutti) alla prevenzione delle ingiustizie e tutela della collettività?

 

… spesso e volentieri nei dibattiti politici (e non) pubblici le parti coinvolte sovente sono aggressive sino all’esagerazione (fisica e verbale), e quando qualcuno di loro cade in disgrazia immancabilmente i “colleghi” sono pronti ad evocarne ogni grazia e lodi di merito?

 

… anche le persone più disoneste di questo mondo quando passano “a miglior vita” sono ricordate nell’omelia funebre solo per i lati positivi… peraltro assenti?

 

… il turpiloquio in molte occasioni rende più esplicito il concetto che si vuole esprimere?

 

… tra i testimoni di fatti di cronaca nera e/o giudiziaria raccontati dalla televisione la maggior parte di essi quando sono intervistati davanti ad una telecamera hanno quasi sempre una espressione “sorridente”?

 

… nessuno ha mai saputo spiegare perché lo stipendio di un bancario è sensibilmente superiore a quello di un vigile del fuoco?

 

… tutti si è portati a citare la storica frase del Vangelo: “Chi non ha peccato scagli la prima pietra”, ma a fronte di questa affermazione nessuno è in grado di metterla in pratica?

 

… non è mai stato fatto un sondaggio sulle reali motivazioni che inducono molti esseri umani a dedicarsi alla politica come professione?

 

… molti criticano i Giudici civili e penali senza conoscere gli elementi dettati dal Codice Civile e dal Codice Penale?

 

… ogni volontà altruistica è manifestata su basi emozionali ed inevitabilmente egoistiche?

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*