Quando i protagonisti famosi lasciano qualcosa di sé

sipario

siparioArtisti che vanno, artisti che vengono: una sorta di “turnover” anche nel mondo del palcoscenico. È di questi giorni la scomparsa del notissimo Paolo Villaggio, che per generazioni ha calcato le scene suscitando irrefrenabili ilarità in due e più generazioni. Una comicità che personalmente non mi hai mai “strappato” un sorriso, come del resto molti altri suoi colleghi che tuttavia meritano “onore” e rispetto, se non altro per aver contribuito a “scoperchiare” eventi di vita rispecchianti in decenni la quotidianità italiana, ma dando anche “lustro” agli aspetti più ameni, il tutto con ironia e comicità talvolta intelligente tal’altra meno… accattivante. Ma quale messaggi trarre da queste trame? Indubbio che i momenti di spensieratezza “regalati” da Villaggio e Company hanno confortato molte famiglie, ma l’ilarità fino a che punto è servita e serve? I protagonisti dello spettacolo non hanno certo la bacchetta magica per risolvere questo o quel problema dei loro spettatori e dei loro fans, ma è indubbio che i maggiori vantaggi sono dei primi sia per il godimento della popolarità (con estensibili effetti mediatici di non poco conto), sia per i (a dir poco) lauti guadagni. In effetti non sono molte le persone che si arricchiscono… divertendosi, e forse con una fatica discutibile, protagonisti dello sport compresi. Va da sè che ciascuno di noi fa delle scelte di vita, quasi sempre condizionate a monte da un pregresso destino e per talune persone assai appagante, ma che i quotidiani dedichino due o più intere pagine per la scomparsa di un attore lo ritengo un eccesso; analogamente, ricordo che per la morte di Mike Bongiorno addirittura gli onorarono i funerali di Stato, ma sappiamo bene chi era a quell’epoca il capo del Governo! Come sempre e in tutti i casi gli eccessi non hanno mai nulla (o poco) di razionale, perdendo di vista la sobrietà e l’umiltà quali valori imprescindibili della considerazione umana comune. E credo che questa sia la filosofia della vita (o almeno parte di essa) in quanto l’uomo non fa la storia, ma la storia siamo noi.

E.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.