Prima notte dei ristoratori a Roma

Naccari (Tni Italia-Ristoratori Toscana): “Non ce ne andiamo fino a quando non avremo quello che ci spetta”

Prosegue a oltranza davanti a Montecitorio il presidio dei ristoratori di TNI Italia – Tutela Nazionale Imprese e Ristoratori Toscana. Ieri, primo giorno di protesta, sono arrivati a Roma migliaia di ristoratori da tutta Italia per chiedere il pagamento immediato degli indennizzi e riaperture concordate con la categoria.

“Non vogliamo sussidi, ma risarcimenti immediati adeguati ai danni subiti e tornare a lavorare”, il messaggio lanciato dal mondo Horeca, che ha visto in piazza, fianco a fianco, imprenditori e dipendenti del settore. “Vogliamo coerenza, abbiamo perso la pazienza”, “Se l’Rt sale non è detto che il contagio sia serale”, “esistiamo”, alcuni degli striscioni apparsi ieri alla manifestazione, che continua anche oggi e che, se non ci saranno risposte, andrà avanti a oltranza.

Pasquale Naccari

“Siamo stanchi. Le promesse non ci bastano più. Non ce ne andremo da piazza Montecitorio fino a che non partirà il primo bonifico del bonus filiera e avremo la certezza del ristori quinquies”, incalza il portavoce di TNI Italia e presidente di Ristoratori Toscana Pasquale Naccari. “Siamo soddisfatti di aver fatto uscire dalle loro stanze alcuni esponenti politici, che sono scesi in piazza a parlare con noi. Ma le parole se le porta via il vento. Vogliamo fatti. Ed è quelli che aspettiamo”.

“Ringraziamo la trentina di colleghi del movimento #ioapro che si sono presentati alla fine della giornata per appoggiare la nostra manifestazione, con la speranza – conclude – che abbiano compreso che non basta riaprire. Bisogna infatti che le riaperture dei ristoranti siano decise dalle istituzioni, evitando così inutili sanzioni per loro e per i loro clienti”.

Ufficio stampa TNI – Ristoratori Toscana

1 thought on “Prima notte dei ristoratori a Roma

  1. Sono sempre convinto che le dimostrazioni di piazza servono a poco o nulla. Molto più utile denuncia-diffida per raccomandata da inviarsi a livello individuale da parte di tutti e non in forma collettiva… la burocrazia recepisce ciò che può protocollare e non gli slogan striscioni… Provare per credere. E. Bodini (giornalista e opinionista, da sempre antiburocrate).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.