#Music Raw Matter: jazz, Africa ed elettronica a Pisa

#Music Raw Matter: jazz, Africa ed elettronica a Pisa

Toscana Musiche ed ExWide a Internet Festival 2014

5 concerti al Geoide

 

#MUSIC RAW MATTER

dall’Africa all’elettronica

 

MARI KVIEN BRUNVOLL

FRANCO D’ANDREA TRIO FT. DJ ROCCA

KHALAB & BABA SISSOKO

MOP MOP SOUND SYSTEM

DÉBRUIT

Pisa 9/12 ottobre 2014

 

Jazz, Africa ed elettronica.

Cinque concerti serali allo spazio Geoide (Piazza dei Cavalieri – ingresso gratuito) con alcuni dei progetti più originali di contaminazione sonora. E’ #MUSIC RAW MATTER,  la ricca proposta live di Toscana Musiche e ExWide nell’ambito dell’Internet Festival, in programma da giovedì 9 a domenica 12 ottobre a Pisa.

Il cartellone musicale di IF 2014 parte da una riflessione sulla parola chiave del festival, #materia-prima. Un’attività che ha sempre accompagnato l’evoluzione dell’uomo, dal sapiens al technologicus, è quella della creazione di nuova energia attraverso la trasformazione e manipolazione della materia. In questo caso la materia prima è quella sonora, e il legame con l’Africa e l’origine della musica (e dell’uomo) è stato inevitabile. I cinque progetti rappresentano e declinano, in modo differente, la trasformazione e la manipolazione della materia prima sonora, restituendo cinque visioni estetiche e musicali che procedono per gradi di astrazione progressivi.

Lo stesso programma musicale si sviluppa per gradi di astrazione, dalla semplicità e concretezza della voce di Mari Kvien Brunvoll (giovedì 9 ottobre, ore 21.30), passando dal pianoforte di Franco D’Andrea e il sax di Andrea Ayassot manipolati da DJ Rocca (giovedì 9 ottobre, ore 22.30), dallo ngoni di Baba Sissoko sui beat di Khalab (venerdì 10 ottobre, ore 21.30), dal vibrafono e dalle percussioni dei Mop Mop (venerdì 10 ottobre, ore 22.30), fino all’astrazione delle scomposizioni afrobeat di Débruit (domenica 12 ottobre, ore 23.30) per il gran finale del festival domenica sera.

In questo panorama il know-how della club culture si unisce alla tecnica del jazz, i riferimenti accademici a quelli della militanza urbana, le sonorità dell’alba a quelle del tramonto, facendo interagire linguaggi apparentemente distanti, ma accomunati dalla reciproca voglia di esplorarsi e allargare i propri orizzonti, conservando sempre la consapevolezza del proprio percorso.

Le serate di giovedì 09 e venerdì 10 ottobre si avvarranno della collaborazione della trasmissione Musical Box di Rai Radio 2. Il concerto di domenica 12 è organizzato in collaborazione con iOFF Festival.

Di seguito il programma e le schede di ogni serata.

 

Giovedì 9 ottobre ore 21.30, Geoide (Piazza dei Cavalieri)

MARI KVIEN BRUNVOLL

voice, sampler

Mari Kvien Brunvoll, una delle cantanti europee più interessanti degli ultimi anni. Direttamente dalla Norvegia, la sua voce affascinante e raffinata arriva dritta a chi l’ascolta. Sul palco è da sola, ma non lo è mai realmente.Con lei computer, loop, cetre e un piano pocket. Ogni strumento viene campionato le voci si sovrappongono e creano un’impalcatura suggestiva e articolata. Il suo singolo “Everywhere You Go” è stato remixato dal notissimo dj e producer Ricardo Villalobos. A IF2014 presenterà suo disco omonimo “Mari Kvien Brunvoll”, prodotto dall’etichetta Jazzland di Bugge Wessentolf, uno dei più amati animatori culturali della scena scandinava. Il cd raccoglie brani registrati dal vivo nel corso degli ultimi tre anni in giro per l’Europa. Un mix di jazz, elettro pop e blues che si mischiano con le atmosfere nordiche. Dopo di lei, si esibirà il trio “elettronico” di Franco D’Andrea, con DJ Rocca e Andrea Ayassot.

 

Franco D'Andrea mentre si sistema gli occhialiGiovedì 9 ottobre ore 22.30, Geoide (Piazza dei Cavalieri)

FRANCO D’ANDREA TRIO FT. DJ ROCCA

Franco D’Andrea – piano

Dj Rocca – drum machines & live programming

Andrea Ayassot – sax

Quello di Franco D’Andrea, DJ Rocca e Andrea Ayassot è un progetto inedito e innovativo, nato dalla collaborazione tra tre assoluti protagonisti della scena musicale italiana, nel campo del jazz e dell’elettronica.

Attratti da un’inaspettata sinergia, Franco D’Andrea DJ Rocca e Andrea Ayassot danno vita a un progetto che unisce passioni lontane, generazioni diverse e riferimenti culturali spesso distanti, grazie ad un’unica e condivisa curiosità verso gli infiniti linguaggi della musica.

Franco d’Andrea è tra i migliori pianisti contemporanei e rappresenta l’eccellenza che il jazz italiano ha saputo partorire negli ultimi 50 anni. Un’unicità la sua, testimoniata da più di duecento brani composti, autorevoli riconoscimenti accademici, centinaia di collaborazioni con musicisti di tutto il mondo, masterclass tenute in diverse scuole e accademie. Fino, ovviamente, alle tante formazioni che ha saputo incendiare con il suo sconfinato talento, messo in luce ancora una volta nell’imprevedibile progetto che, oltre allo storico producer emiliano, coinvolge un suo importante collaboratore come Andrea Ayassot al sax.

Dj e producer già alla fine degli anni ‘90 con il Maffia Soundsystem – collettivo di resident dj nell’omonimo club di Reggio Emilia – Rocca è tra i primi divulgatori italiani delle sonorità breakbeat & drum and bass provenienti dalla scena del clubbing UK. Dal Maffia in poi, ha costruito una carriera fatta di release per alcune tra le più autorevoli etichette dell’elettronica europea (tra le quali Sonar Kollektiv, Hospital e Crammed) e collaborazioni con artisti di primo piano a livello internazionale (Dimitri From Paris, Zed Bias, Jazzanova).

Grazie anche alle evoluzioni del sax di Andrea Ayassot, il trio promette di sorprendere tanto nelle future produzioni, quanto dal vivo, sfruttando l’energia imprevedibile del jazz e la l’impatto emozionale della migliore elettronica.

 

Venerdì 10 ottobre ore 21.30, Geoide (Piazza dei Cavalieri)

KHALAB & BABA SISSOKO

Baba Sissoko – Voice, ngoni, kamalengoni, tamani

DJ Khalab – Beats, live programming

Snob Production – live video set

Incontro sciamanico tra due opposti che si attraggono. Da un lato un autentico pilastro della musica maliana contemporanea, il pluripremiato Baba Sissoko, maestro della parola depositario della secolare tradizione mandingo. Dall’altro DJ Khalab, i cui beat seguono un sentiero immaginario che porta all’Africa del futuro: produzioni che esplorano la tradizione della musica panafricanista e al tempo stesso la sperimentazione elettronica più contemporanea. Un viaggio continuo di andata e ritorno dalle tribù alla psiche, dal deserto alle astronavi, dalla giungla ai grattacieli.

Tradizione afro e linguaggi contemporanei che dialogano in un contesto audio/video dal carattere suggestivo, uno scambio centrato su beat astratti, antichi cordofoni e voce, che proietta la più esoterica essenza tribale in una dimensione afro-futurista. Un unico flusso  ipnotico dove convivono in armonia visioni mistiche e primitivismo digitale. Di prossima uscita il loro primo album in collaborazione.

 

Venerdì 10 ottobre ore 22.30, Geoide (Piazza dei Cavalieri)

MOP MOP SOUND SYSTEM

Andrea Benini – drums

Luca Spinogatti – turntable, live electronics

Pasquale Mirra – vibraphone

Danilo Mineo – percussions

Andrea Benini, conosciuto anche come “Mop Mop”, è un musicista, produttore musicale e compositore di jazz, funk e club music. Dal 2005 è leader dell’omonimo progetto “Mop Mop”, un mix di funk, afro, jazz ed elettronica. L’album di debutto “The Pill 11” è uscito per Tam Tam Studio nel 2005 e successivamente ristampato da P-Vine Records per il mercato giapponese. Il primo singolo “Perfect Day. feat. Jackson Sloan” è uscito per Dejavu Records nel 2006 con un remix di Schema Records dell’artista Gerardo Frisina. Nel 2007 “Perfect Day” è stato selezionato da Adrian Gibson per “Messin Around 5”, la compilation del London Jazz Cafe con artisti come Nostalgia 77, Mark Murphy, Sleepwalker e Soul Jazz Orchestra, solo per citarne alcuni. Nel 2008 Benini ha prodotto il secondo album di Mop Mop intitolato “Kiss of Kali”, pubblicato dalla label tedesca Infracom Records nel 2009. L’album si avvale della collaborazione di Gianluca Petrella al trombone, vincitore del Down Beat Critics Poll, e Alan Farrington alla voce. Infracom Records ha pubblicato anche il terzo album dei Mop Mop “Ritual Of The Savage” nel 2010: all’album collabora la cantante inglese Baby Sol (backing vocaling per artisti del calibro di Amy Winehouse, Joss Stone, Nate James). Nel 2012 i Mop Mop collaborano alla colonna sonora del film  “To Rome With Love” di Woody Allen. Con il loro ultimo LP “Isle of Magic” i Mop Mop ci portano alla loro più coinvolgente e organica registrazione, lavorando assieme alla leggenda del Funk Fred Wesley, già trombonista di James Brown, e il poeta Londinese Anthony Joseph. La “Red Bull Music Academy-Germany” ha riconosciuto il brano “Run Around” (estratto da “Isle Of Magic”) come “Best Dancefloor Jazz Track” del 2013. In questa occasione i Mop Mop suoneranno in versione Sound System, mescolando le atmosfere elettroniche ai suoni acustici delle percussioni di Benini e Mineo, e del vibrafono di Mirra.

 

Domenica 12 ottobre ore 23.30, Geoide (Piazza dei Cavalieri)

DÉBRUIT

Débruit è il progetto di Xavier Thomas, produttore giramondo interessato all’unione tra ritmi urbani e musica Africana e mediorientale. A partire dal 2008, con la pubblicazione dei suoi primi lavori, Débruit sviluppa un modus operandi molto preciso caratterizzato dall’utilizzo di campioni sonori tratti da musiche provenienti da determinate aree geografiche. Successivamente diventa il Dj di un bar Congolese nel centro di Parigi entrando così in contatto diretto con la cultura musicale Africana. Non a caso, il suo album di debutto “From The Horizon” (Civil Music, 2012), è totalmente ispirato alla musica dell’Africa occidentale, in particolare della Nigeria, Ghana e Benin. Queste fonti rappresentano, in modo più o meno esplicito, le fondamenta sopra cui Débruit costruisce una personale visione di funk contemporaneo che lui stesso definisce “iperreale”. Linee di basso gommose, frammenti vocali utilizzati in modo percussivo e ritmiche futuristiche vengono mescolate con grande sapienza alle atmosfere esotiche dell’Africa. Un viaggio tra i colori delle musiche da ballo del Congo e della Tunisia passando per la Turchia e la Jamaica, tutto rivisitato in chiave futuristica.

 

 

Info

www.toscanamusiche.it

www.internetfestival.it

 

https://www.facebook.com/internetfestival

https://twitter.com/#!/Internetfest

http://pinterest.com/internetfest

http://www.youtube.com/user/internetfestival

 

 

Associazione Toscana Musiche

Info tel 055 240397 (dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00)

www.toscanamusiche.it

 

Contatti stampa Internet Festival:

Mariangela Della Monica – Fondazione Sistema Toscana

m.dellamonica@fondazionesistematoscana.it

 

 

ASSOCIAZIONE TOSCANA MUSICHE

Segreteria Operativa: Via Niccolini 3/e – 50121 Firenze – Tel. 055/240397 Fax 055/243280

SEDE LEGALE: VIA MASACCIO, 17, 50136 FIRENZE – P.IVA 05497480482

Ufficio stampa: Marco Mannucci, mannucci@toscanamusiche.it

 

 

Nella foto, immortalato  da Andreas Pichler, Franco D’Andrea

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*