Ultime

Millennials: la generazione liquida fotografata da AutoScout24

Pin It

Fluida, inafferrabile Generazione Y, quella dei Millennials, i nati tra il 1980 e i primi anni del 2000. Difficili da catalogare, in continuo movimento tra un interesse e l’altro hanno alimentato le frustrazioni di più di un pubblicitario.

L’auto di proprietà sembrava l’ultimo dei loro interessi e invece la realtà, percentuali alla mano, appare come sempre ben diversa. La ricerca effettuata dal sito AutoScout24    ci offre dati precisi che danno un’idea della relazione tra la Generazione Y e il settore automobilistico.

L’analisi ha preso in esame le preferenze della Generazione Y nell’acquisto di un’auto e sembrano proprio loro i più interessati ad avere un veicolo di proprietà. La ricerca si basa sulla fascia di età compresa tra i 18 e i 35 anni dividendo ulteriormente il paniere in under 24 e over 25. I dati sono chiari: più del 40% delle visualizzazioni totali rientrano nella categoria Millennials.

Gli uomini della Generazione Y dimostrano ancora una volta la loro passione per le auto arrivando ad una percentuale del 30,2% a fronte di un 10,5% delle donne.

Ma cosa cercano i Millennials?

Un’auto comoda e funzionale, visto che il modello Berlina è quello più visualizzato. Per la fascia di età tra i 18 e i 24 anni la Berlina attrae il 47,6% degli utenti, interesse confermato anche dalla fascia di età superiore con il 41,1%. La comodità sembra essere il requisito fondamentale visto che troviamo al secondo posto il modello Station Wagon che tra i giovanissimi ottiene percentuali del 14,6%. Una maggiore sensibilità rispetto agli spazi sembrano nutrirla i più grandi con il 20,1% delle visualizzazioni.
I modelli più sportivi e di moda come Coupé e Suv – Fuoristrada si attestano a percentuali superiori all’11% per entrambi i modelli.

Se guardiamo al brand la scelta è precisa e senza dubbi: FIAT e BMW. Il marchio torinese e quello tedesco si contendono la prima e seconda posizione per entrambe le fasce di età. Troviamo così FIAT al primo posto tra gli under 24 con il 17% di visualizzazioni, a seguire BMW con il 14%. Per gli over 25 le posizioni si invertono con la casa automobilistica tedesca al 21% e FIAT al 12%. Gli altri due marchi italiani entrati nella top ten sono Alfa Romeo e Lancia.

Se guardiamo alla provenienza geografica delle visualizzazioni vediamo che il baricentro è nettamente spostato verso il Nord Italia con la Lombardia in testa per entrambe le fasce di età con percentuali superiori al 25%. La Toscana si attesta al 5,1% tra gli under 24 e ad un 5,2% per gli over 25.

Se rispetto al marchio la Generazione Y sembra avere ben pochi dubbi, lo stesso discorso vale per la fascia di prezzo. La sostenibilità economica guida le scelte dei Millennials. Le auto visualizzate non superano il valore di 10mila euro e nelle prime tre posizioni troviamo cifre ancora più basse. Nella fascia di età tra i 18 e i 24 anni il costo medio è di 3mila euro con il 3,8% di visualizzazioni che scende ad un 2,8% per gli utenti più grandi. La seconda posizione spetta ad auto del valore di 4mila euro. Al terzo posto prevale una valutazione media di 2mila euro per la fascia di età compresa tra i 18 e i 24 anni con una percentuale del 3,5%, mentre gli over 25 confermano il valore medio, ma la percentuale di interesse scende al 2,8%.

L’analisi effettuata da AutoScout24 mette in luce non solo gli interessi automobilistici dei Millennials, ma anche gli strumenti impiegati per effettuare le ricerche. Il mobile supera nettamente il desktop per entrambe le fasce di età con percentuali vicine al 60%, mentre il desktop si attesta ad un 36,9% tra i più giovani e ad un 33,6% per la fascia di età superiore.

Altro segnale di novità è dato dal canale di acquisto preferito dagli utenti della Generazione Y. Il privato vince sulla concessionaria. Stiamo parlando di percentuali superiori all’80%, mentre il canale di acquisto tradizionale non superare la soglia del 20%. Segno evidente della tendenza, da parte dei Millennials, a scegliere canali di acquisto non convenzionali e a privilegiare le piattaforme di acquisto online.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*