Mario Salis in concerto a Vicchio (Fi)

 

 

 

 

Mugello terra di campagna, di partigiani, e di preti che hanno fatto una scelta, quella di seguire Dio, ma con un cammino diverso. E’ proprio sulla strada per Barbiana la terra di Don Milani, all’interno dell’agriturismo LA RIPRESA, che il 28 luglio 2012 arriverà per un concerto più unico che raro, il bravissimo cantautore/chansonnier romano, Mario Salis. Artista poliedrico, il contadino del cielo”, come ama definirsi, che meriterebbe sicuramente, molto più del successo che ha. Da venti anni, ormai residente in Francia (Metz), arriverà, durante l’Estate Mugellana, ad esibirsi, portando le sue splendide canzoni, nella nostra campagna. Una voce quella di Mario, che ricorda a tratti Paolo Conte, il suo stile, lo definirei, un moderato folk – rock d’autore, che assieme alla sua splendida chitarra, ci allieterà in una serata di musica e poesia del tutto particolare, assieme a tanti amici e tre ospiti molto particolari (e di cui si parla un gran bene per il presente e per il futuro della poesia italiana).

Le tre grazie sono le poetesse: Beatrice Niccolai, Annamaria Dulcinea Pecoraro e Maria Palumbo.

La vita artistica di Mario Salis, inizia nella seconda metà degli anni Settanta, a Roma. Lui, di anni, ne ha ventuno, e sono i tempi eroici della contestazione. Nel 1977 e nel 1978, ogni giorno accade una cosa strana: alle cinque del pomeriggio le piazze del centro della Capitale – Campo De Fiori e Farnese, Santa Maria in Trastevere ma soprattutto piazza Navona – si popolano di giovani contestatori zazzeruti e variopinti. I sagrati delle antiche chiese, le panchine, le scalinate, le fontane, tutt’a un tratto vengono invase da capannelli di ragazze e ragazze, per lo più estremisti di sinistra, armati dei loro testi sulla Rivoluzione, o di semplici vagabondi hippies dediti al culto pacifico della ganja, che si appostano e stanziano nei luoghi elettivi dell’Arte Sacra e del Barocco fino a notte tarda.
Mario arriva anche lui ogni pomeriggio a piazza Navona ma, anziché il chilum o i libri di Lenin, si porta la chitarra acustica. Si piazza sopra una panchina davanti all’Ambasciata del Brasile e suona le sue canzoni per capannelli eterogenei di ragazzi che si radunano, si siedono per terra in cerchio, attirati dalla sua bravura e dalla sua originalità. Da semplice artista di strada, a vero e proprio folksinger, nel 1978 Mario Salis ha già piazzato uno dei suoi brani più affascinanti per la colonna sonora del film-documentario di Comencini “L’ingorgo”: si tratta della mitica – dylaniana fin dal titolo – “Nella canzone del male / momento 25 bis”, che inizia così:
Questa è la storia di un uomo di strada
che donava le chiavi del bosco
ed il suo fiato
per un abbraccio..”.

 

Attualmente Mario Salis ha creato album caratterizzati da un richiamo alla dignità della persona, del diverso e una camaleontica produzione sul senso della vita e dell’impegno civile.

 

 E’ considerato da Fernando Arrabal la “reincarnazione” di Boris Vian e continua dicendo:” Salis, che vibra in tutto il suo essere per la musica, non poteva evocare la passione e l’essenza stessa della poesia, talmente queste due arti sono legate insieme. Lo stesso Orfeo attirava a lui le bestie selvagge grazie al suono della sua lira. Infine, bisogna sapersi abbandonare, lasciarsi andare per abbracciare le parole, per toccare per un momento quello che pochi uomini percepiscono”.

Sono rari gli appuntamenti che questo bravissimo artista regala in Italia quindi per gli amanti della bella musica ma soprattutto delle belle parole sarà un appuntamento da non perdere!

Per prenotazioni ed info

: mulinolaripresa@gmail.com

Web site official:

http://mariosalis.fr/

 

Roberto Bruno

1 thought on “Mario Salis in concerto a Vicchio (Fi)

  1. Da non perdere!!!
    Giusto due stanze su un ruscello, questa è “La Ripresa”.
    Prima delle due stanze, un prato, un rudere.
    Accanto alle due stanze sul ruscello, un altro prato pendente, una piccola veranda,
    elementi di pietra fra gli alberi, acqua che scorre.

    E’ un luogo privato, una dimensione che vuole per scelta uscire dalle regole del mercato degli affitti perché esistono luoghi per condividere, non per essere devastati.
    Le ultime esperienze di affitto hanno visto “La Ripresa”vittima del non-amore con danni pari allo stesso valore del posto.
    Da quindici mesi sono rientrata in pieno possesso della casa sull’acqua e per tutti questi mesi abbiamo lavorato affinché tornasse ad essere un luogo di accoglienza.
    La terra è bassa e dura. Le radici più dure della terra, ripulire, tagliare, curare, lavorarle è stato dare un senso a quello che stavamo facendo.

    Tanto è stato fatto e tanto è ancora da fare ma ci sembrava giusto darci una data, un primo appuntamento in cui stabilire l’inizio.
    Verranno in seguito calendarizzati incontri con artisti di varia natura. (attori, scultori, poeti, pensatori, registi, scrittori, ecc) affinché “La Ripresa” diventi naturale luogo d’incontro fra linguaggi diversi. Non potevamo non iniziare con Mario.

    Sabato 28 luglio a “La Ripresa” incontreremo Mario Salis, cantautore, menestrello, poeta. Contadino del cielo come ama definirsi lui o come lo definisce Fernando Arrabal, “la reincarnazione di Boris Vian”.
    Ho conosciuto Mario prima attraverso i canali della rete, dove abbiamo consolidato una reciproca stima e nella realtà, dentro i cessi di un istituto francese a Roma, prima che mi venisse consegnato – anche grazie a lui – un premio per le parole.
    E’ stato curioso parlarsi da due cessi diversi e capire che la poesia non vuole, né abbisogna di salotti per definirsi tale.

    Gli eventi de “La Ripresa” non hanno un biglietto d’ingresso. Non hanno scopo di lucro. Si chiederà solo un contributo perché le spese vive dell’evento non gravino su chi vive di solo questo. Nel caso della serata di Mario avevamo previsto un contributo di € 20,00 che andranno a coprire il costo del viaggio di Mario, il costo del tecnico luci e il costo di una cena di cucina povera toscana:

    – panzanella
    – insalata di riso
    – fettunte (bruschette di pane toscano con olio e aglio o con pomodori freschi)
    – carne alla griglia (manzo e maiale)
    – acqua e vino
    – cocomero,

    La prenotazione è gradita soprattutto per poter organizzare meglio l’incontro con Mario.
    Non è un concerto e basta. E’ qualcosa di diverso. Come intendo l’arte e la sua condivisione.
    Per prenotarsi o per informazioni: mulinolaripresa@gmail.com

    Vi aspettiamo alle ore 20,30 – 20,45.
    Strada per Barbiana, Vicchio di Mugello Sul lato destro della strada all’altezza de “La Ripresa” è stata predisposta una piazzola per parcheggiare le automobili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.