Marco Caruso ha vinto la sua battaglia

Marco Caruso ha vinto la sua battaglia

di Redazione

marco caruso protesta incatenatoMolti di voi ricorderanno senz’altro la storia di Marco Caruso, invalido civile di Pistoia che nel 2008 ha cominciato una dura battaglia per veder riconosciuti i suoi diritti.

In quell’anno, infatti, perse il lavoro per l’aggravarsi della sua invalidità. La pensione di invalidità non gli bastava per mantenersi, soprattutto per pagare l’affitto, ma per i primi tempi è riuscito ad andare avanti grazie a un contributo pubblico, ottenuto dopo aver chiesto assistenza presso vari uffici. Tale contributo, però, gli è stato gradualmente ridotto fino a non essergli più erogato. Infruttuose si sono rivelate anche la ricerca di una nuova occupazione e la richiesta di un alloggio popolare.

In questi anni Marco ha contattato tutte le istituzioni competenti e, non ottenendo risposte, ha protestato pacificamente in tutte le sedi utili, al contempo ricorrendo alle vie legali. Pur estremamente provato e a dir poco sconfortato, non si è arreso e oggi possiamo raccontarvi con gioia che Marco ha vinto la sua battaglia: dopo aver ottenuto tre sentenze favorevoli e chiesto l’intervento della Prefettura, i Servizi sociali del Comune di Pistoia sono finalmente intervenuti per risolvere i suoi problemi abitativi.

Vi raccontiamo questo fatto non solo per informarvi sul positivo epilogo di una triste vicenda, ma anche perché consideriamo Marco un bell’esempio civico: nonostante le gravissime difficoltà in cui ha vissuto in questi anni, non si è perso d’animo, ha protestato sempre in maniera pacifica e sempre ha  battuto la strada della legalità, usando tutti gli strumenti amministrativi e giuridici a sua disposizione. Certo, la sua battaglia è stata estenuante, ma la sua determinazione e la sua voglia di farcela sono state più forti di tutto. Non solo: pur non avendo ancora risolto tutti i suoi problemi e nonostante non goda di ottima salute, oggi Marco fa il volontario con la Misericordia e dedica gran parte delle sue giornate a persone bisognose d’aiuto, tra cui Franco di cui ci ha segnalato la triste storia. Con la sua caparbietà, la sua umiltà e la sua generosità ci dà un grande insegnamento morale.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*