Quando lo sviluppo del turismo fa rima con sostenibilità

castelfalfi

Purtroppo siamo da tempo abituati ad associare l‘espansione turistica dei territori alla speculazione edilizia, alla cementificazione e a progetti spesso sconsiderati che guardano solo ai profitti senza alcun rispetto per le realtà locali.

Per fortuna qualcosa a quanto pare sta cambiando ed esempi virtuosi di sviluppo turistico sostenibile si stanno affacciando sempre più numerosi nel nostro paese. Questo è l’esempio del  Toscana Resort Castelfalfi un resort creato su una tenuta grande tre volte il Principato di Monaco e contenente un borgo rimasto disabitato con i processi di urbanizzazione degli anni Sessanta e Settanta. Il colosso tedesco TUI ha acquisito il borgo e la tenuta e li ha trasformati in una località dalla forte spinta turistica e con un grande happealing soprattutto per gli stranieri.

Questo processo però non si è tradotto nelle tanto odiate colate di cemento e nella distruzione del territorio: il progetto ambizioso e di successo ha infatti puntato piuttosto sul restauro e sulla riqualificazione delle strutture pre-esistenti: i casali (acquistabili o affittabili stagionalmente) sono stati ristrutturati e dotati di tutti i comfort pur conservando il loro aspetto tipico toscano, la vecchia manifattura di tabacchi è stata convertita in boutique hotel che ne conserva la struttura, l’antica Rocca mostra ancora il suo imponente splendore e oggi ospita un ristorante, sale per meeting, eventi e matrimoni. È stato addirittura costruito un campo da golf attraverso il recupero di un terreno agricolo dismesso, che oggi rappresenta un vero e proprio gioiello incastonato nelle meravigliose colline toscane. Le nuove costruzioni hanno interessato solo lo 0.1% del progetto.

Nonostante il progetto fosse stato portato avanti da un privato alla sua ideazione e costruzione è stata coinvolta la cittadinanza del Comune di Montaione di cui Castelfalfi fa parte, la quale han dato attraverso consultazioni e partecipazione attiva le proprie opinioni ed il proprio contributo.

Inoltre il Toscana Resort Castelfalfi porta avanti un processo di valorizzazione e promozione dei prodotti locali come l’olio e il vino, producendo eccellenti vini ed oli toscani attraverso i metodi tradizionali e promuovendone il valore e la genuinità, facendoli conoscere ed apprezzare ai tanti visitatori stranieri.

Infine il progetto è stato in grado di portare molti posti di lavoro qualificati nel territorio, soprattutto a giovani, e se ad ora i dipendenti del Toscana Resort Castelfalfi sono circa 100 a fine 2016, con l’apertura del nuovo hotel a 5 stelle che sarà inaugurato nella tenuta si arriverà a 180.

Un esempio virtuoso che speriamo possa fare da apripista a numerose altre realtà nel nostro paese, attraverso le quali mostrare che sviluppo turistico e sostenibilità (economica, ambientale e sociale) possono andare d’accordo, e anzi, possono rappresentare una forza ed una risorsa l’uno per l’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *