Ultime

L’angolo della poesia: “U pucchete” di Nazario Tartaglione

Pin It

Cari lettori amanti della poesia, oggi, per l’appuntamento con ” l’angolo della poesia”, vi presentiamo un verso in dialetto pugliese, scritto da Nazario Tartaglione.

Nazario Tartaglione, alias Carmelo Africano, ha 31 anni, è residente a San Severo, ed è un cantautore. Suona la chitarra e il pianoforte, è un arrangiatore, svolge lavoro di provinatura in generale e adopera i programmi e i suoni di editing audio digitale più diffusi. Predilige i generi Pop, Pop-Rock, la musica Etnica e la World music. Nel 2002/2003 ha pubblicato un doppio singolo scritto per un gruppo emergente che ha partecipato al Festival di Sanremo, MARIAPIA & SUPEZOO, edito dalle Edizioni Do It Your Self/Distribuzione Sony Music.
Nel 2004 ha pubblicato un album di musica etnica, intitolato “TRIBU’”, edito da MEDITERRANEA, compagnia degli autori e cantautori indipendenti.

Sempre per la stessa etichetta discografica, nel 2006 è uscito il suo ultimo album intitolato “NOMADE MEDITERRANEO”.

Attualmente sta collaborando al nuovo album del gruppo MARIAPIA & SUPEZOO ed a diverse produzioni discografiche.

E’ inoltre autore del metodo per scrittura di canzoni “Il Cantautore” e dei relativi corsi e stages tenuti in associazioni culturali e scuole. E’ autore del  racconto “L’uomo senza idee”, pubblicato su giornali e riviste, e della raccolta di versi, “Poesie” pubblicata on line. 

 Qui di seguito trovate la poesia U pucchete, da noi scelta per il suo tema attualissimo nella società odierna. La musicalità dei versi dialettali, infine, rende questa poesia gradevole all’orecchio sia per il suono poetico sia per il suo contenuto.

‘U pucchète.

 ‘Na vote so’ traciute jinde a ‘na chiése

e me so’ spiète turne turne,

mamma mije ‘u lustre ca stéve,

cose d’ore a tutte pizze!

E pù vanne truwanne ca solde ‘nge ne stanne,

ca gènde sènza fatije e sènza allogge

quisti qua, stanne annascuse jind ‘a na règge.

Comunque, me so settète,

è javezète a chèpe e è viste a Gèse Criste,

misse ‘ngroce  come sèmbe,

ka ‘i wèje sije già l’ha passète

e ne me vò sendì parlà.

Cchiù là,  sope a li denocchije ca preijève,

ce stéve nu crestiène, tutte scunzulète;

ji ‘u canuscéve e me so vvucenète.

Hè ditte:” wè cumbà, ma che jè ca stà ccusì.

Avisse accise a quacchèdune, avisse rrubbète?

Ha ditte, no. Ji ‘a veretà è sèmbe fatijète.

E allora javezete, mittete l’ambite!

E jisse m’ha resposte. Ma pù è pucchète,

c’adda prijà calète!

Cumpagne mije, ‘u pucchète

jè mètte sotte ‘a gènte,

che ‘i chiacchijere, ca fème e ca pavure,

pe farlà sentì nènde.

 

Il peccatoUna volta sono entrato in una chiesa

e mi sono guardato intorno,

mamma mia il lusso che c’era, cose d’oro ovunque,

e poi dicono che non ci sono soldi,

con la gente senza lavoro e senza casa,

questi qua stanno nascosti in una reggia!

Comunque, mi sono seduto ed ho alzato

la testa per guardare Gesù Cristo,

messo in croce come sempre,

che i suoi guai li aveva già  passati

e non aveva la forza di ascoltarmi. 

Più in la, sulle ginocchia che pregava,

c’era una persona, tutta sconsolata.

Io la conoscevo e mi sono avvicinato.

Gli ho detto: wè, compare, ma perché sei così triste?

Forse hai rubato? Hai ucciso qualcuno?

E lui mi ha risposto: no, veramente  io ho sempre lavorato.

E allora alzati. Mettiti in piedi!

E lui: “ma poi è peccato, si deve pregare in ginocchio!”

Amico mio, il peccato è sottomettere la gente,

con le bugie, la povertà e la paura,

per farla sentire niente.

Giusy Chiello

Redattrice- giusy.chiello@ilmiogiornale.org

Pin It

1 Trackback & Pingback

  1. Tweets that mention L’angolo della poesia: “U pucchete” di Nazario Tartaglione | ilmiogiornale -- Topsy.com

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*