“La sete di Ismaele”: il ritorno dalla Siria di Padre Paolo Dall’Oglio narrato in un libro

Il ritorno dalla Siria di Padre Paolo Dall’Oglio: l’esperienza di una vita nel suo libro “La sete di Ismaele” edito da Gabrielli

 

Padre Paolo Dall’Oglio è rientrato in Italia. Il fondatore e superiore della comunità monastica siriana Deir Mar Musa, da trent’anni protagonista attiva nel dialogo tra cristiani e musulmani, ha lasciato la Siria a giugno in obbedienza alle autorità ecclesiastiche. Non termina però l’incessante lavoro a favore della pace e il dialogo che il religioso ha raccontato anche nelle pagine del suo libro “La sete di Ismaele”, con prefazione di Paolo Rumiz (Gabrielli editori, pp. 143, € 13). Una sorta di diario che racchiude le sue preziose riflessioni sull’attualità e su quanto sperimentato nel quotidiano dall’autore e dalla comunità che gli si è raccolta attorno nel monastero siriano di Deir Mar Musa. La società civile siriana, stremata dalla guerra civile contro il regime di Bashar al Assad, ha perso così uno tra i più grandi mediatori religiosi dei nostri tempi, promotore instancabile del dialogo e della riconciliazione anche in questi tragici mesi. Il gesuita è stato l’unico esponente del clero cristiano in Siria ad aver denunciato le brutalità del regime, squarciando con la sua voce il muro di silenzio e indifferenza alzato dal governo siriano.
Il 18 luglio Padre Paolo Dall’Oglio sarà ospite d’eccezione dell’incontro sulla Siria intitolato «Isqat al nizam – Il popolo vuole la caduta del regime» all’auditorium San Fedele di Milano, organizzato dall’Associazione “Siriani liberi in Italia” e in collaborazione con la rivista “Popoli”.

Per informazioni sul libro: http://www.gabriellieditori.it/#/it/products/id=848f0136-0957-4370-b55c-9fab00687e8b 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*