Ultime

La “Segheria mobile” arriva a Borgo San Lorenzo (FI)

Pin It

Il 6,7 e 8 Aprile al Foro Boario sarà possibile segare i tronchi d’albero caduti per il forte vento

Riuso e buone pratiche: arriva a Borgo San Lorenzo la “Segheria mobile”

Una rete tra istituzioni e associazioni locali nata per superare l’emergenza e promuovere il riutilizzo del legname

 

logo del comune di Borgo San LorenzoGli alberi caduti in Mugello a causa del forte vento il 5 marzo scorso, possono diventare una nuova risorsa e non solo come legna da ardere o cippato. Gli alberi con tronchi integri come quelli sradicati dal vento infatti potrebbero essere spanconati, ovvero segati per produrre tavole e listelli di diverse dimensioni. Così è nata in Canton Ticino l’idea della segheria mobile e di un servizio pubblico che sia di supporto alla popolazione dopo l’emergenza. Idea che è stata raccolta anche dal Comune di Borgo San Lorenzo e l’Unione dei Comuni del Mugello che hanno organizzato, in collaborazione con l’azienda svizzera “Boratt Petrolo Sagl” e l’Associazione “Officina Lieve”, un’occasione pubblica per scoprire questo servizio di “segheria mobile”.

Il 6, 7 e 8 aprile infatti, presso il piazzale del Foro Boario a Borgo San Lorenzo, “Ira del Bosco” del Boratt (questo il nome della segheria mobile di Carlo Petrolo, imprenditore sociale del Canton Ticino) e i volontari di ‘Officina Lieve’ offriranno la possibilità a chiunque di portare un tronco di altezza massima di 2,5 mt e spanconarlo gratuitamente facendolo diventare un’utile materia prima a disposizione per i propri progetti. Per maggiori quantitativi e tronchi più grandi verranno applicate tariffe agevolate. In contemporanea, i volontari dell’associazione Fuori Mercato mostreranno come trasformare assi e listelli in oggetti utili per l’orto e il giardino.

“Un’idea ed un’iniziativa che abbiamo voluto promuovere e che si inserisce pienamente nel nostro spirito della campagna “Spreco Zero”, spiegano il sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni e l’assessore ai servizi alla persona, Ilaria Bonanni. Promuovere attività virtuose, creative e in linea con una sostenibilità ambientale è quello che come Amministrazione abbiamo scelto di fare e questa iniziativa non poteva che avere il nostro supporto”.

Oltre all’occasione particolare, la speranza dei promotori delle tre giornate è quella di stimolare, partendo da questa esperienza, la nascita di una microeconomia basata sul riutilizzo del legname locale altrimenti destinato a marcire nei boschi o ad essere cippato.

La cittadinanza è quindi invitata a partecipare ed a portare le proprie piante, mentre gli artigiani del legno sono caldamente invitati a vedere di cosa si tratta per eventualmente contribuire alla creazione di una filiera che, partendo da un’emergenza, collabora e crea economia locale.

Sarà anche disponibile un servizio di presa della pianta e consegna del segato a domicilio.

 

Per informazioni scrivere a legnourbano@officinalieve.it o chiamare il 3881954467

 

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*