Ultime

“La scomparsa delle lucciole” a Lastra a Signa

Al via con la prima nazionale dello spettacolo la stagione del Teatro delle Arti. 30 spettacoli fino ad aprile 2018. Tra gli ospiti Ascanio Celestini, Tullio Solenghi, Saverio La Ruina, Ugo Dighero, Oscar De Summa e Michele Sinisi.

Pin It

la scomparsa delle luccioleSi inaugura con la prima nazionale de “La scomparsa delle lucciole”, in programma da martedì 7 a lunedì 13 novembre (escluso venerdì 10) la stagione 2017/2018 del Teatro delle Arti di Lastra a Signa (Firenze).

La terza tappa della trilogia “Dopo Salò” – sorta di biografia poetica dell’Italia dalla caduta del fascismo alla fine del Novecento dedicata a Pasolini – arriva dopo “Arcitaliani” (2015) incentrato sulla caduta di Mussolini e “Mille brividi d’amore” (2016), sugli anni Sessanta. L’ultimo episodio – dedicato agli Settanta e Ottanta – prende spunto dal famoso intervento di Pasolini sulla scomparsa delle lucciole nel quale il grande poeta segnalava la fine di un mondo, un cambiamento epocale avvenuto nella Italia del dopo boom economico. Su questa metafora verranno attraversati scenicamente alcuni episodi salienti dei due decenni così diversi tra loro, ma dei quali è figlia l’Italia di oggi.

Il primo ha un andamento epico-lirico: è fatto di immagini, memorie, canzoni, ed è centrato sulla figura di Pier Paolo Pasolini, un poeta che ha avuto il coraggio di denunciare le anomalie dell’Italia di quegli anni (stragi, corruzioni, tentativi fascisti di colpi di Stato) e che ha pagato con la vita la sua libertà di pensiero. Le parole, le analisi, le profezie di Pasolini si intrecciano con alcuni episodi degli anni di piombo, come la morte di Walter Alasia, l’esperienza violenta di Valerio Fioravanti, il difficile tentativo di dialogo fra i terroristi pentiti e i parenti delle vittime del terrorismo.

Il secondo atto apre una pagina nuova nell’Italia. Dopo la sbornia ideologica degli anni Settanta l’ottica individuale si impone, si parla di un secondo boom economico, il consumismo ora domina le menti. L’atto ha un sapore inevitabilmente grottesco ed è ambientato in una scalcinata televisione di provincia che pare sia stata ispiratrice dei futuri investimenti di Berlusconi nel campo delle televisioni private. Davanti alle telecamere ora va l’Italiano medio, che si mette a nudo senza alcun pudore. Un’era preconizzata da Pasolini.

Scritto e diretto da Gianfranco Pedullà in collaborazione con Manuela Critelli, “La scomparsa delle lucciole” porta in scena Marco Natalucci, Rosanna Gentili, Gianfranco Quero, Roberto Caccavo, Gaia Nanni, Gianna Deidda, Matteo Zoppi, Fausto Berti, Eleonora Venturi, Isabella Giustina, Francesco Giorgi, Vincenzo Infantino. Coproduzione Compagnia Simona Bucci.

Prima nazionale martedì 7 novembre, repliche mercoledì 8, giovedì 9, sabato 11, domenica  12 e lunedì 13 novembre. Inizio ore 21, ad eccezione dello spettacolo di domenica 12 novembre, in programma alle ore 17.

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI

STAGIONE IN ABBONAMENTO – Ascanio Celestini, Tullio Solenghi, Oscar De Summa, Michele Sinisi, Ugo Dighero sono solo alcuni protagonisti della stagione in abbonamento 2017/2018 del Teatro delle Arti di Lastra a Signa, punto d’incontro tra prosa, danza, musica, cinema e occasioni formative.

Intitolato “Del sacro e del profano”, sarà un programma incentrato sulla narrazione delle nostre identità, sia nei testi classici sia in quelli contemporanei. Un gioco sospeso fra sacro e profano, tragico e comico, classici e contemporanei.

Dopo la prima nazionale de “La scomparsa delle lucciole”, seguirà una serie di straordinari testi classici come “Miseria e nobiltà” (ven 15/12) di Eduardo Scarpetta a cura della Compagnia Elsinor, “Mistero Buffo” (ven 24/11) di Dario Fo con Ugo Dighero e l”Albergo del libero scambio” (ven 26/1) di Feydeau messo in scena dalla Compagnia Il Mulino di Amleto.

E ancora, uno spaccato ironico e amaro sulla condizione giovanile di oggi attraverso proposte di drammaturgia contemporanea quali “Laika” di Ascanio Celestini (gio 18/1), “La cerimonia” di Oscar De Summa (ven 16/3) e lo spettacolo “Sempre domenica” (ven 16/2), recente vincitore del premio nazionale In-Box.

In aprile Tullio Solenghi (ven 6/4) con una lettura contemporanea  del  “Decamerone” mentre a chiudere sarà un’altra prima nazionale del Teatro Popolare d’Arte, “Falstaff” (gio 19_dom 22/4), sul libretto del capolavoro di Giuseppe Verdi ispirato da Shakespeare.

Prevendite online www.boxol.it e nei punti vendita del circuito Boxoffice (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita – tel. 055.210804). Prevendite biglietteria teatro: martedì 10-13, mercoledì e venerdì 17-20. La biglietteria sarà aperta inoltre in tutte le serate di spettacolo e di proiezione film.

Presso la biglietteria del Teatro delle Arti sono disponibili inoltre diverse formule di abbonamento, da 50 a 140 euro, con sconti per over 65, under 26, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale e Amici del Museo Caruso.

IL POSTO DELLE ARTI – Oltre alla stagione in abbonamento, il Teatro delle Arti ospiterà “Il posto delle arti”, rassegna a cura di Roberto Caccavo, Gianfranco Pedullà, Marco Natalucci e Gianfranco Quero dedicata al teatro più innovativo e ai suoi protagonisti: in programma, tra gli altri, “Il custode” di Pinter della Compagnia degli Scarti (gio 26/4), l’ultima produzione di Savero La Ruina, “Masculu e Fiammina” (gio 15/2), le “Piccole commedie rurali” di Gogmagog (gio 16/2).

RESI-DANCE – Continua il progetto dedicato alla danza contemporanea curato dalla Compagnia Simona Bucci: spettacoli di compagnie nazionali e internazionali, matinée dedicate alle scuole, ma anche laboratori (per bambini, anziani e attori), prove aperte e incontri. Inaugurazione ven 1/12 con “La bella… Giselle – La parola alla danza” di Eko dance International Project diretto da Pompea Santoro (in abbonamento). Ven 12/1 il debutto di “Still”, di e con Sara Orselli e Frida Vannini, e “Con-Fine” di e con Françoise Parlanti. Sab 17/2 Meltin_Pot HH dance Company presenta “Viceversa”, ven 2/3 il Balletto Lucano in “Esili” (in abbonamento), chiude ven 4/5, la UCSB Dance Company, diretta da Delila Moseley.

S/P/READ – Seconda edizione del laboratorio di messa in scena della lettura ad alta voce condotto dalla poetessa Rosaria Lo Russo, in collaborazione con Centro per la Ricerca e la Didattica musicale Tempo Reale di Firenze. L’iniziativa è rivolta a giovani e non, attori e non, poeti e aspiranti lettori di poesia. Al laboratorio farà seguito una serie di reading e incontri.

FABULA e LINGUAGGI DELLA SCENA – Tornano le rassegne e i laboratori per bambini e famiglie. “I linguaggi della scena” è un progetto che la compagnia porta  all’interno delle scuole lastrigiane e oltre (infanzia, primaria di primo e secondo grado). Consiste in laboratori teatrali, incontri preparatori alla visione degli spettacoli, in matinée in teatro. “Fabula” è la rassegna di appuntamenti domenicali per bambini e famiglie con il meglio delle produzioni nazionali dedicate alle nuove generazioni.

CORSI E LABORATORI FORMATIVI DI TEATRO E DI DANZA – In programma laboratori teatrali per adulti e corsi per bambini a partire da cinque anni, a cura di Gianfranco Pedullà, Rosanna Gentili, Viola Villani e Gianna Deidda. Per i “Resi_dance workshop” dedicati alla danza segnaliamo l’incontro con Pompea Santoro di Aterballetto (ven 1/12), il laboratorio coreografico hip hop sperimentale condotto da Lisa Brasile (sab 17/2) e quello sulla contact improvisation condotto da Loredana Calabrese del Balletto Lucano (sab 3/3).

ATTIVITÀ di FORMAZIONE DEGLI SPETTATORI – Il teatro organizza incontri con gli artisti, prima o dopo gli spettacoli. Inoltre è uno dei teatri aderenti al progetto Casateatro della Coop, progetto triennale di avvicinamento e riavvicinamento del pubblico al teatro.

 

CREDITS – La stagione 2017/2018 del Teatro delle Arti è organizzata con Comune di Lastra a Signa e Compagnia Simona Bucci, con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Coop Unicoop Firenze.

 

TEATRO DELLE ARTI – STAGIONE 2017/18

Del sacro e del profano

Prima nazionale

Da martedì 7 a lunedì 13 novembre 2017  (escluso venerdì 10)
Teatro delle Arti – via G. Matteotti 5/8 – Lastra a Signa (Firenze)

Compagnia Teatro Popolare d’Arte
LA SCOMPARSA DELLE LUCCIOLE
Terzo episodio della trilogia Dopo Salò
Testo di Gianfranco Pedullà in collaborazione con Manuela Critelli

Con Marco Natalucci, Rosanna Gentili, Gianfranco Quero,

Roberto Caccavo, Gaia Nanni, Gianna Deidda, Matteo Zoppi, Fausto Berti

Coproduzione Compagnia Simona Bucci

 

 

INFO Teatro delle Arti – Lastra a Signa

STAGIONE TEATRALE 2016 | 2017

Del sacro e del profano


Inizio spettacoli ore 21

 

Aperitivo teatrale stagione in abbonamento, Il posto delle Arti, Residance, Spread

Dalle ore 20 buffet + drink 6 euro (si consiglia la prenotazione entro il giovedì antecedente lo spettacolo)
BIGLIETTI STAGIONE IN ABBONAMENTO
Intero 15 euro

Ridotto 13 euro per over 65, under 26, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale e Amici del Museo Caruso

Ridotto 10 euro fino a 21 anni

 

ABBONAMENTI

MASTER 12 spettacoli intero 140 euro; ridotto 130 euro

LIGHT 5 spettacoli – 2 definiti (La scomparsa delle lucciole e Sempre domenica) + 3 a scelta –  60  euro

 

ABBONAMENTI UNDER 26

MASTER 12 spettacoli 100 euro

LIGHT 6 spettacoli – 2 definiti (La scomparsa delle lucciole e Sempre domenica ) + 4 a scelta – 50 euro

 

BIGLIETTI Posto delle Arti   Resi_Dance    S/P/READ

posto unico 10 euro

spettacolo + aperitivo teatrale 15 euro (prenotazione consigliata entro il giorno precedente lo spettacolo)

abbonati e corsisti 2017/2018:  spettacolo 5 euro; spettacolo + aperitivo teatrale 12 euro

carnet 7 spettacoli a scelta 42 euro

carnet 4 spettacoli a scelta 28 euro

 

PREVENDITE

Prevendite online www.boxol.it e nei punti vendita del circuito Boxoffice: www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804

Prevendite biglietteria teatro: martedì 10-13, mercoledì e venerdì 17-20

La biglietteria sarà aperta inoltre in tutte le serate di spettacolo e di proiezione film

Info e prevendite

Teatro delle Arti – viale Matteotti 5/8, Lastra a Signa (FI) – tel. 055 8720058

www.tparte.it – teatrodellearti.lastraasigna.fi@gmail.com – promozione@tparte.it

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*