Ultime

La papaya aiuta a combattere il tumore

Pin It

Secondo quanto emerso a uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Ethnopharmacology la papaya, un frutto tropicale, è in grado di combattere 5 diversi tipi di cancro e, regolare il sistema immunitario e quindi curare infiammazioni e malattie autoimmuni. Scrive Clara Serretta sul Sole 24 Ore:“Estratto di papaya”, il nuovo alleato contro il tumore arriva dall`America Centrale e Meridionale: il frutto tropicale, oltre alle già note proprietà diuretiche e antinfiammatorie, potrebbe infatti essere un nuovo ingrediente anti-cancro. La ricerca, pubblicata sul Journal of Ethnopharmacology, è stata condotta dagli studiosi dell`University of Florida in collaborazione con un team di esperti giapponesi.
Grazie ai test di laboratorio, i ricercatori hanno scoperto che la papaya in pratica rallenta la crescita e la moltiplicazione delle cellule tumorali nel caso di cancro alla cervice, alla mammella, al fegato, ai polmoni e al pancreas. Gli esperimenti, condotti tramite la somministrazione di un estratto di foglie essiccate, hanno dimostrato che il frutto stimola la produzione delle citochine infiammatorie Th-1 e regola in questo modo l`attività del sistema immunitario senza causare controindicazioni tossiche, suggerendo quindi un suo possibile utilizzo nelle strategie terapeutiche anti-cancro. Inoltre, dal momento che l`azione della papaya potenzia il funzionamento delle difese dell`organismo, le sue proprietà potrebbero rivelarsi prezioso anche per la cura delle infiammazioni e delle patologie auto-immuni.
Molte popolazioni australiane e vietnamite utilizzano il frutto a scopo terapeutico: “Dai nostri studi non risultano effetti collaterali dall`uso della papaya – afferma Nam Dang, coordinatore della ricerca – per cui, stando ai dati raccolti finora, la terapia a base del frutto sembra potersi protrarre per periodi lunghi senza temere ripercussioni negative sulla salute”.
Fonte: La Fucina

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*