“Je suis” siriano, afgano, iraniano, turco…perseguitato

“Je suis” siriano, afgano, iraniano, turco…perseguitato

je suis

Ieri in Siria sono stati bombardati 5 ospedali e 2 scuole. Le vittime sono state 50. Eppure nessuno ha scritto “Je suis” qualcosa. Non ci sono morti di serie A o B. Questo non è un campionato di calcio ma un assurdo gioco al massacro.

Noi siamo dalla parte di tutti i perseguitati e di tutti quelli che non hanno voce per urlare “Basta” a questa carneficina. Basta all’orrore della guerra, delle torture, della morte, della fame. (F.L.)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*