“Io non mi sento italiano” cantava Giorgio Gaber nel 2003

Io G. G. sono nato e vivo a Milano.
Io non mi sento italiano
ma per fortuna o purtroppo lo sono.

Mi scusi Presidente
non è per colpa mia
ma questa nostra Patria
non so che cosa sia.
Può darsi che mi sbagli
che sia una bella idea
ma temo che diventi
una brutta poesia.
Mi scusi Presidente
non sento un gran bisogno
dell’inno nazionale
di cui un po’ mi vergogno.
In quanto ai calciatori
non voglio giudicare
i nostri non lo sanno
o hanno più pudore.

Io non mi sento italiano
ma per fortuna o purtroppo lo sono.

Mi scusi Presidente
se arrivo all’impudenza
di dire che non sento
alcuna appartenenza.
E tranne Garibaldi
e altri eroi gloriosi
non vedo alcun motivo
per essere orgogliosi.
Mi scusi Presidente
ma ho in mente il fanatismo
delle camicie nere
al tempo del fascismo.
Da cui un bel giorno nacque
questa democrazia
che a farle i complimenti
ci vuole fantasia.

Io non mi sento italiano
ma per fortuna o purtroppo lo sono.

Questo bel Paese
pieno di poesia
ha tante pretese
ma nel nostro mondo occidentale
è la periferia.

Mi scusi Presidente
ma questo nostro Stato
che voi rappresentate
mi sembra un po’ sfasciato.
E’ anche troppo chiaro
agli occhi della gente
che tutto è calcolato
e non funziona niente.
Sarà che gli italiani
per lunga tradizione
son troppo appassionati
di ogni discussione.
Persino in parlamento
c’è un’aria incandescente
si scannano su tutto
e poi non cambia niente.

Io non mi sento italiano
ma per fortuna o purtroppo lo sono.

Mi scusi Presidente
dovete convenire
che i limiti che abbiamo
ce li dobbiamo dire.
Ma a parte il disfattismo
noi siamo quel che siamo
e abbiamo anche un passato
che non dimentichiamo.
Mi scusi Presidente
ma forse noi italiani
per gli altri siamo solo
spaghetti e mandolini.
Allora qui mi incazzo
son fiero e me ne vanto
gli sbatto sulla faccia
cos’è il Rinascimento.

Io non mi sento italiano
ma per fortuna o purtroppo lo sono.

Questo bel Paese
forse è poco saggio
ha le idee confuse
ma se fossi nato in altri luoghi
poteva andarmi peggio.

Mi scusi Presidente
ormai ne ho dette tante
c’è un’altra osservazione
che credo sia importante.
Rispetto agli stranieri
noi ci crediamo meno
ma forse abbiam capito
che il mondo è un teatrino.
Mi scusi Presidente
lo so che non gioite
se il grido “Italia, Italia”
c’è solo alle partite.
Ma un po’ per non morire
o forse un po’ per celia
abbiam fatto l’Europa
facciamo anche l’Italia.

Giorgio Gaber

L’idea di inserire il testo del famoso brano “Io non mi sento italiano” di Gaber, pubblicato dopo la sua morte, ce l’ha data Beppe Grillo, il quale ne “La Settimana” ne ha inserito solo una parte, fermandosi al verso” e poi non cambia niente”. Noi invece lo pubblichiamo per intero, questo profetico e attualissimo testo, del quale ci interessa soprattutto l’ultima quartina, perché siamo ottimisti di natura e vogliamo credere di poter fare l’Italia come la vorremmo: un bel Paese. Davvero.
Francesca Lippi

1 thought on ““Io non mi sento italiano” cantava Giorgio Gaber nel 2003

  1. Grazie Francesca per la forte emozione che mi dai e che provo sempre quando si ricorda Giorgio Gaber con il quale ho condiviso molta parte della mia vita cantando e meditando le sue meravigliose e profetiche canzoni come questa e tante altre….specialmente nella sua ultimo e sofferente periodo di vita.
    A sedici anni…..nel tempo che fu….. ho persino partecipato ad un concorso per voci nuove con la canzone “non arrossire” che dedicavo e canto, ancora oggi a mia moglie ; grande ed unico amore della mia vita.
    Giampiero Maccioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.