Ultime

“Io canto con Jerry”

Pin It

Di Giusy Chiello

Dopo la finale del festival di Sanremo che ha visto vincitore il giovane Valerio Scanu, un’altra finale canora ha acclamato il suo trionfatore: si tratta del tredicenne palermitano Christian Imparato e del “Festival della canzone under 16”, così è stato definito da molti, “Io canto”, il programma televisivo, che vedeva protagonisti giovanissimi aspiranti cantanti, condotto da Jerry Scotti su canale 5. Uno spettacolo che non si vedeva da tempo nel quale l’inno alla musica e alla canzone sono stati la colonna portante di tutte le puntate, dove le doti canore e la genuinità dei piccoli interpreti hanno fatto da protagonisti, senza generare polemiche di ogni genere, come spesso accade in manifestazioni di questo tipo. Criticato inizialmente perché era stato ritenuto clone della trasmissione condotta da Antonella Clerici su Rai 1 “Ti lascio una canzone” (il regista Roberto Cenci ha ideato entrambi i programmi), “Io canto” ha portato alla ribalta ragazzini dai 7 ai 15 anni, che si sono esibiti in performance sia da soli, sia accompagnati da grandi della canzone come Jonnhy Dorelli, Arisa, Lara Fabian, Mario Biondi, Katia Ricciarelli, Irene Grandi, Iva Zanicchi e tanti altri. Nella puntata di sabato 20 marzo, dove Christian è stato “incoronato” vincitore sia del programma ma anche di un corso di studi musicali in America con l’ausilio del produttore David Foster, le giovani promesse della musica si sono cimentate oltre che nei loro cavalli di battaglia in dei brani inediti scritti per esaltare le loro esilaranti doti canore. Non c’è che dire, tutti bravi come dei professionisti, e alcuni forse ancora di più: una voce da tenore nei panni di un rapper (Mattia Rossi), colei che vede dove gli altri non possono con la sua voce (Chiara Sapienza), la reincarnazione di Areta Franklin (Fidalma Intini), la vincitrice di più puntate dopo Christian Imparato (Benedetta Caretta), per citarne solo alcuni. Una performance musicale che è stata caratterizzata anche dai sentimenti. I ragazzini hanno legato tra loro, come fossero una grande famiglia, si sono emozionati, hanno pianto dalla gioia per se stessi e per i loro compagni, ed hanno fatto emozionare anche il “caro zio Jerry”, che in questa occasione si è lasciato trasportare dai sentimenti come non mai, regalando con le sue lacrime di commozione l’affetto “ai suoi bambini canterini”. Finalmente un gradevole spettacolo che ha emozionato grandi e piccini ed ha allietato tante famiglie che nel fine settimana hanno potuto gustare dell’ottima musica. Tanti auguri a tutti i giovani protagonisti, che avranno sicuramente il successo che meritano.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*