Ultime

Investimenti sicuri: esistono veramente o sono una chimera?

Pin It

 

 

 

 

boom_di_investimenti_sulle_app_da_parte_dei_topspender_italiani_in_advertising_2

Esistono veramente degli investimenti al 100% sicuri? In realtà no, perché nessun investimento ci può dare la certezza assoluta di guadagnare, anche se molti permettono di ottenere un certo tipo di rientro economico, a meno di avvenimenti particolarmente funesti, come ad esempio il fallimento di uno stato o di un istituto finanziario. In linea generale il rischio di non guadagnare nulla, o di perdere il proprio capitale, cresce in modo direttamente proporzionale al guadagno che si può effettuare: più è elevato il guadagno promesso, e maggiori sono le possibilità che l’investimento non vada a buon fine. Se non esiste l’investimenti perfetto, ideale, ci sono però dei metodi che possono aiutare a contenere enormemente le possibilità di perdere dei soldi. Gli investimenti classici: acquisto un bene per rivenderlo quando avrà un valore maggiore. Gli investimenti più classici sono quelli che comportano l’acquisto di un bene, come ad esempio dei titoli azionari. Il funzionamento è molto semplice: si acquistano dei titoli di una società e li si tiene fino a che il loro valore non sarà aumentato. Il guadagno deriva dai dividendi, versati annualmente o più volte all’anno, e anche dalla vendita dei titoli stessi. Questo tipo di investimento ha un rischio abbastanza elevato, perché l’andamento del valore di alcuni titoli è molto altalenante; inoltre è spesso necessario mantenere immobilizzato il proprio capitale per un certo periodi di tempo, attendendo il momento più propizio alla vendita dei titoli. Questo tipo di compravendita è soggetta a tassazione, e permette comunque un buon guadagno. È bene anche ricordare che, nel caso in cui il valore di un titolo azionari non dovesse aumentare, è assai improbabile che diventi zero, quindi si può perdere parte del proprio capitale, ma non tutto. Questo tipo di investimento si può effettuare con qualsiasi bene, non solo con i titoli azionari, ma anche con l’oro, il petrolio, le valute straniere o i beni immobili.
Il trading con i prodotti derivati
Negli ultimi anni il numero di persone che si dedica agli investimenti nei prodotti finanziari derivati è in costante aumento, anche perché tale tipo di investimenti è aperto anche a chi ha dei capitali molto risicati: spesso si può iniziare anche con soli 100 euro, o anche meno. In questo campo invece di acquistare un bene si specula sull’andamento delle quotazioni del bene sottostante. In pratica si cerca di prevedere se un bene aumenterà di valore o diminuirà; se si prevede in modo corretto, si possono ottenere guadagni anche superiori al 65-70% di quanto investito: se la previsione non è corretta si perde tutto il capitale. Appare molto chiaro che il rischio è molto elevato, ma lo sono anche le possibilità di guadagno. Inoltre alcuni broker offrono ai loro clienti un piccolo rimborso per gli affari in perdita, pari in genere a cifre inferiori al 20% di quanto investito. Non è molto, ma è comunque più di zero. Senza dimenticare, poi, che ci sono siti come questo che danno delle dritte piuttosto interessanti.
I fondi di investimento
Tra gli investimenti più sicuri molte persone tendono a prediligere i BOT e i fondi di investimento. Si tratta di prodotti che garantiscono un aumento fisso del valore del capitale, in genere inferiore al 5-10%, vincolato però a lasciare il proprio capitale investito per un certo periodi di tempo, che va dai 6 mesi fino ai 20-30 anni. In molti casi si ha un dividendo annuale, ma non è detto che ciò avvenga. Alcuni fondi di investimento possono essere venduti anche prima che scada il vincolo contrattuale, ma può capitare che si debbano pagare delle penali, che diminuiscono ampiamente il guadagno ottenuto. Questo tipo di investimento è molto apprezzato da chi ha una visione a lungo termine e si può permettere di mantenere il proprio capitale immobilizzato per periodi di tempo elevati. Chiaramente se si ha la necessità di utilizzare i propri soldi per qualsiasi motivo, calcolando eventuali penali o il mancato ingresso degli interessi, l’investimento può risultare addirittura in perdita.
Come diminuire il rischio di perdere il proprio capitale
Il modo migliore per rendere i propri investimenti più sicuri è ottenere molte informazioni sui prodotti che si intende acquistare, o in cui si intende inserire il proprio capitale. Oggi esistono molti modi per approfondire le proprie conoscenze in ambito finanziario ed economico; ad esempio online si possono trovare numerosi siti che riportano tutte le notizie mondiali che possono influire in qualche modo sui mercati finanziari. Un trader che vuole guadagnare regolarmente tenderà ad arricchire regolarmente il suo bagaglio di conoscenze economiche e finanziarie, e anche a mantenersi perfettamente aggiornato sugli avvenimenti a livello locale e mondiale. Qualsiasi evento infatti tende ad influire, in modo positivo o negativo, sui mercati; per fare un esempio, durante il periodo che ha preceduto il referendum sulla Brexit le quotazioni della sterlina hanno subito un andamento altalenante, dovuto alle previsioni dell’esito del referendum.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*