Il punto sulla Serie A a 6 giornate dal termine del campionato

 

Il campionato di Serie A sta entrando nel vivo con davvero molte situazioni per nulla decise, forse l’unica su cui c’è ormai certezza è soltanto il primo posto della Juventus che si appresta a conquistare il suo ennesimo Scudetto. Dopo il terremoto dell’estate scorsa in casa bianconera, in cui c’è stato l’avvicendamento tra Antonio Conte e Massimiliano Allegri in panchina, erano in molti a scommettere che la Vecchia Signora avrebbe faticato non poco ad imporsi nuovamente in Italia. A distanza di quasi dieci mesi dall’arrivo del tecnico livornese a Vinovo anche i suoi più aspri detrattori hanno dovuto fare mea culpa e rimangiarsi tutte le cattiverie sul suo conto perché la prima stagione di Allegri in seno a Madama si sta rivelando un’autentica impresa. Certo, in Serie A la concorrenza più accreditata, vedi Roma e Napoli, si è annullata da sola a metà stagione, ma il vero miracolo dell’ex tecnico del Milan si è compiuto in campo europeo con la qualificazione alle semifinali di Champions League. E’ proprio in Europa che Allegri ha dato quel valore aggiunto che negli anni precedenti veniva meno con il suo predecessore Conte, bravissimo nel torneo nazionale, ma poco incisivo in campo europeo. Dunque una stagione da incorniciare per la Juventus che è praticamente in corsa su tutti e tre i fronti. A Pirlo e compagni il compito di concretizzare tutti gli obiettivi. La vittoria in campionato potrebbe arrivare addirittura nel turno infrasettimanale nel caso in cui la Juventus riuscisse ad ottenere una vittoria nel big match contro la Fiorentina ed in contemporanea la Lazio, seconda in classifica, venisse fermata dal Parma all’Olimpico. Se non dovesse essere così la festa per il quarto Scudetto consecutivo dei bianconeri potrebbe avvenire sabato prossimo a Marassi contro la Sampdoria.

Se per la vittoria sembra ormai questione di tempo, diversa è la situazione per i posti che valgono l’Europa e la zona retrocessione. Andiamo con ordine. Per la Champions League sono tre le squadre che si stanno giocando le due piazze utili per partecipare alla manifestazione europea più importante. Al momento le due romane hanno un leggero vantaggio, ma il Napoli di Benitez, grazie anche al ritiro punitivo imposto da De Laurentiis, hanno ritrovato lo smalto dei vecchi tempi tanto da poter davvero beffare una tra Lazio e Roma. Saranno decisive in tal senso le ultime sei giornate di campionato. Una bagarre che appassionerà anche gli amanti di scommesse che sono pronti ad attendere i risultati a sorpresa. Se anche tu non aspetti altro metti alla prova la tua conoscenza sulle scommesse sportive, il finale di stagione è sempre molto avvincente e redditizio da questo punto di vista.

In coda alla classifica Parma, Cesena e Cagliari sembrano essere le tre squadre più accreditate a retrocedere in cadetteria al termine della stagione. Forse soltanto i sardi, grazie all’arrivo di Festa in panchina, potrebbero invertire la marcia e recuperare punti sull’Atalanta che ora ricopre il quart’ultimo posto in graduatoria. Non sarà semplice visto che il gap dalla zona salvezza è di 7 punti, ma di sicuro i rossoblu ci proveranno. Intanto una prima scossa è arrivata domenica nel match del Franchi in cui il Cagliari ha battuto a domicilio niente meno che la Fiorentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*