IL BINOMIO ARTE-MEDICINA NELL’AMBULATORIO DI UN MEDICO DI FAMIGLIA

IL BINOMIO ARTE-MEDICINA NELL’AMBULATORIO DI UN MEDICO DI FAMIGLIA

Una vincente “compliance” dai reciproci benefici effetti. Il simpatico logo“ Don’t Stop Art” caratterizza lo spirito artistico della originale iniziativa

di Ernesto Bodini (giornalista scientifico e critico d’arte)

Da sempre la sofferenza segna il passo della vita di ognuno, talvolta modificandola “passivamente” tal’altra intensificandola al meglio nei suoi valori. Ed è questo secondo aspetto che ho recepito avendo incontrato nel suo ambulatorio di medico di famiglia di Torino il dott. Romano Ravazzani (classe 1965), reduce da un periodo di ricovero per aver contratto il Covid-19, contagiato dai suoi pazienti, e che a sua volta inconsapevolmente ha contagiato i suoi famigliari. Un’esperienza che lo ha particolarmente provato sentendosi in colpa soprattutto per tale “intimo coinvolgimento”, un sentimento che richiama alla memoria aneddoti e aforismi sulla dedizione per il proprio lavoro, che il più delle volte fa di questa scelta il motivo principe della propria esistenza… e magari non priva di rischi. Entrando nello studio del dott. Ravazzani (che è anche ginecologo e psicoterapeuta), ma ancor prima nell’ingresso, si è attratti da un insieme di manufatti d’arte appesi alle pareti, numerosi oggetti vintage e opere d’arte che fanno bella mostra di sé dando quel tocco di sapiente e al tempo stesso “austera” propensione per l’Arte in tutta la sua espressività, sia dal punto di vista storico che culturale in senso lato. In questo caso il duplice effetto-messaggio: l’Arte che incontra la Medicina, di primo acchito può forse impressionare qualche paziente “sprovveduto” di fronte ad una visione platealmente artistica e alquanto originale, per poi prendere subito confidenza con tutti quegli oggetti che fanno da contorno al dialogo tra medico e paziente, ma anche tra paziente e medico; già, perché la filosofia dell’eclettico medico, è usare l’arte come cura e nel contempo prendersi cura dell’arte. A volte l’attesa in un ambulatorio medico può dilungarsi oltre un certo limite, ma trovarsi nello stesso tempo attorniati da una serie rappresentazioni d’arte può predisporre a quella “distrazione” utile ad allontanare, sia pur momentaneamente, i propri sintomi e le proprie preoccupazioni. «Molte persone – spiega Ravazzani – si siedono davanti alla mia scrivania e trovano nell’ambiente qualcosa che li stimola a condividere con me una passione; e una parte di loro, spesso sono amici, colleghi di lavoro e loro famigliari… In quel momento divento il medico che esorta a non abbandonare queste passioni, anche se lontane dalle attività quotidiane. Ed è così che il dialogo si fa strano, lontano da quello solito di tutti i giorni: medico e paziente, appunto; ma è un dialogo che crea passioni volte al miglioramento della qualità di vita e del quadro clinico». Ecco allora che ad ogni incontro l’anamnesi del paziente si fa storia clinica e di vita, l’inizio di un percorso che segna la strada per una buona diagnosi e magari anche per una buona terapia. Osservando per intero la vasta esposizione, che spesso è anche oggetto di vernissage, si ha anche l’impressione di un invito ad una sorta di gioco dell’anti-paura, le cui figure (alcune) un po’ inquietanti ma anche divertenti e assai curiose, hanno il benefico potere dell’esorcizzarla, come nessuna medicina sa fare… A mio modesto parere, se più studi medici ospitassero un piccolo angolo d’arte, probabilmente la stessa sarebbe la migliore ricetta per un farmaco senza ticket e soprattutto senza effetti collaterali.  E se è vero che non si può diventare un buon medico senza esserlo dalla nascita e averci la vocazione, è altrettanto vero che un buon paziente può essere tale se si fa coinvolgere da tutto ciò che è armonia come in un ambulatorio dove l’arte prevale, o vuol prevalere, sulla malattia e la sofferenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*