Iberna la zia defunta per percepire la sua pensione. Ma rubare è sempre reato?

Iberna la zia defunta per percepire la sua pensione. Ma rubare è sempre reato?

Sono passati pochi giorni dalla notizia di un uomo catanese che teneva “reclusa” la sua prozia dentro il frigo di casa sua. La donna, morta da un anno circa, era stata “ibernata” per permettere al nipote di percepire ugualmente la sua pensione. Un caso di frode quello del giovane siciliano, che ha rubato nelle casse dell’Inps per mantenere il suo introito mensile.

Se da un lato questo caso fa scalpore per il fatto in sé, dall’altro fa riflettere molto riguardo alle motivazioni che hanno spinto questa persona a compiere un atto del genere.

Non è la prima volta che accadono fatti analoghi e questo dovrebbe far riflettere tutti noi e soprattutto i governanti.

Un uomo che non riesce a trovare lavoro, che non arriva a fine mese perché sottopagato e sfruttato, che si sente preso in giro dalle false promesse dei datori di lavoro, e soprattutto da chi governa, pur di riuscire a fare la spesa ogni mese farebbe pazzie. Scegliere di congelare una parente, non credo sia stata una decisione facile per quest’uomo. Pur di mantenere un tenore di vita “umano” si è pronti a sacrificare i valori affettivi e morali. Perché invece di dare, il nostro Governo non fa altro che tagliare? Tutti quelli che non riusciranno a fare la spesa a fine mese verranno ospitati a pranzo o a cena da qualche politico? Il popolo italiano deve darsi una svegliata, se no ci ritroveremo tutti a fregare il prossimo, pur di ottenere un tozzo di pane per sfamare i nostri bambini.

Giusy Chiello

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*