I Giovedì della Poesia: “N’Autru Natali” di Maria Nivea Zagarella

N’autru Natali…

Trasìu Natali,

si cunzàu u prisepiu,

storia vecchia ri pecuri

e pasturi, viddani

e piccaturi…

Nenti cangiàu,

nenti tramutàu l’ancilu

ca ‘ntruna ‘nfacinnatu timpi

e vadduna…

Nzurdatu è l’omu,

lu putiri,

i sordi!

U Bbammineddu grapi i frazza

e preja

(rumitusa è la notti e ri cristallu!),

preja

ppi lu munnu  ‘nfamiu

ca si perdi:

chi nn’ammamcunu chiaj

nta sta Terra!…

figghi e agintuzzi tremunu la fami,

cuvirnanti galioti,

lupi scafisti,

vestii ‘mpunuti d’omini

u scifu gghinu…

e lazzariannu

 spatrunìa la verra!

U ciumi ‘unn havi lagrimi,

sangu i vini…

U Bbammineddu grapi i frazza

e preja

(rumitusa è la notti e ri cristallu!):

              <<Omu, nun vidi?

               Sugnu comu a tia,

               occhiu c’arriri,

               vucca ca suspira,

               e o’ ciancu allima

               cu lu ciatu a Morti.

               Omu, preja ppi tia!…>>

Di stiddi havi la notti

lu mantellu…Jesuzzu

iddu si parra,

iddu si senti.

Varija lu jelu fraschi

e siccuma,

rumitusa è la notti

e ri cristallu…

chi ‘mmirnata etterna!

(da Memoria e strammarii , 2005)

Un altro Natale…- Tornato è Natale,/ approntato il presepe,/ storia vecchia di pecore/ e pastori, villani/ e peccatori…// Niente è cambiato,/ niente ha trasformato l’angelo/ che introna affaccendato monti / e vallate…/ E’ sordo l’uomo,/ il potere,/ i soldi!// Il Bambinello apre le braccia/ e prega/ (solitaria è la notte e di cristallo!), / prega/ per il mondo infame/ che si perde:/ che ne mancano piaghe/ su questa Terra!…/ popoli e figli tremano la fame, / governanti galeotti,/ lupi scafisti, / bestie paludate d’uomo/ il trogolo pieno… // e lacerando / spadroneggia la guerra!// Il Bambinello apre le braccia/ e prega/ (solitaria è la notte e di cristallo!):/ <<Uomo, non vedi?/ Sono come te,/ occhio che ride,/ bocca che sospira,/ mi fiata al fianco,/ e incalza e lima, la Morte./ Uomo prega per te…>>.// Di stelle ha la notte/ il mantello…Gesù/ lui si parla,/ lui si sente…/ Frasche e sterpaglie/ va squassando il gelo,/ solitaria è la notte/ e di cristallo…/ che invernata eterna!

Note biografiche

Maria Nivea Zagarella

Maria Nivea Zagarella  nata a Francofonte (SR) nel 1946, laureata in lettere classiche all’Università La Sapienzadi Roma, è stata ordinaria di italiano e latino al Liceo classico Gorgia di Lentini (SR), dove ha insegnato dal 1969 al 2004.

Ha pubblicato in lingua: Assiomi 81 (poesie,1981); Sequenza (dramma sacro,1988); Variazioni (poesie,1989); La farfalla e il mare (poesie,1992); Jacopo notaro e il laicismo fridericiano (saggio,1994); La lanterna magica (racconti, 2007); Oltre l’isola (saggi, 2007); Dove volano i gabbiani (poesie, 2010); Sussurri (fuori giro) del tramonto (poesie, 2013); Elzeviri (articoli, 2014); Tra rigore e passione – Interventi di critica militante (elzeviri, 2018); Eredità (poesie, 2019); Il tesoro di Rosanna e Francesco (racconto illustrato per ragazzi, 2019).

In dialetto siciliano: Mbò Larimbò (La Sagra dei misteri, sacra rappresentazione bilingue e Lumiricchi, poesie,1996); Scacciapinzeri (poesie, 1999); Memoria e Strammarii (poesie, 2005); U rologgiu re nichi (poesie, 2010); Forajocu a la cuddata (poesie, 2013); La puisia di Maria Nivea Zagarella/The Poetry of Maria Nivea Zagarella (A trilingual anthology, Sicilian/Italian/English), New York, 2017; Scacciapinzeri (traduzione in spagnolo, Universitad Nacional de Rosario, Argentina, 2018); Ncuntràiu lu mari (poesie, 2019)

I numerosi articoli e saggi critici scritti dal 2002 al 2021 editi in volume o sparsi su vari periodici, anche online, riguardano autori stranieri, italiani e siciliani in lingua e in dialetto.  Dal 2006 collabora con la pagina culturale del quotidiano La Sicilia di Catania. Il dramma sacro Sequenza è stato rappresentato in scuole e circoli culturali e radiodiffuso da RaiDue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.