I Giovedì della Poesia: “Mungibeddu” di Maria Nivea Zagarella

Mungibeddu

Lu focu s’appigghiàu a li capiddi

ri la notti aggiuccata ‘ntra li fraschi:

macchi, jinestri sfujunu abbruciati,

scatarra a vini larghi

la Muntagna.

Spaccàu lu scuru:

nfernu a li cristiani!

Lu celu  s’ammaraggia,

a terra ntuma:

‘n travagghiu è la natura,

matri ranni,

ranatu ‘i vita

ca la morti ‘ngiamma.

Etna- Il fuoco si apprese ai capelli/ della notte addormentata fra le frasche:/ alberi, ginestre fuggono via bruciati,/ a vene larghe scorre in giù la Montagna./ Si squarciò il buio:/ inferno agli uomini!/ Il cielo ondeggia,/ la terra si gonfia:/ in travaglio è la natura,/ madre grande, melagrana di vita/ che la morte infiamma.

Note biografiche

Maria Nivea Zagarella

Maria Nivea Zagarella  nata a Francofonte (SR) nel 1946, laureata in lettere classiche all’Università La Sapienzadi Roma, è stata ordinaria di italiano e latino al Liceo classico Gorgia di Lentini (SR), dove ha insegnato dal 1969 al 2004.

       Ha pubblicato in lingua: Assiomi 81 (poesie,1981); Sequenza (dramma sacro,1988); Variazioni (poesie,1989); La farfalla e il mare (poesie,1992); Jacopo notaro e il laicismo fridericiano (saggio,1994); La lanterna magica (racconti, 2007); Oltre l’isola (saggi, 2007); Dove volano i gabbiani (poesie, 2010); Sussurri (fuori giro) del tramonto (poesie, 2013); Elzeviri (articoli, 2014); Tra rigore e passione – Interventi di critica militante (elzeviri, 2018); Eredità (poesie, 2019); Il tesoro di Rosanna e Francesco (racconto illustrato per ragazzi, 2019).

       In dialetto siciliano: Mbò Larimbò (La Sagra dei misteri, sacra rappresentazione bilingue e Lumiricchi, poesie,1996); Scacciapinzeri (poesie, 1999); Memoria e Strammarii (poesie, 2005); U rologgiu re nichi (poesie, 2010); Forajocu a la cuddata (poesie, 2013); La puisia di Maria Nivea Zagarella/The Poetry of Maria Nivea Zagarella (A trilingual anthology, Sicilian/Italian/English), New York, 2017; Scacciapinzeri (traduzione in spagnolo, Universitad Nacional de Rosario, Argentina, 2018); Ncuntràiu lu mari (poesie, 2019)

       I numerosi articoli e saggi critici scritti dal 2002 al 2021 editi in volume o sparsi su vari periodici, anche online, riguardano autori stranieri, italiani e siciliani in lingua e in dialetto.  Dal 2006 collabora con la pagina culturale del quotidiano La Sicilia di Catania. Il dramma sacro Sequenza è stato rappresentato in scuole e circoli culturali e radiodiffuso da RaiDue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.