I Giovedì della Poesia: “Iu m’arriordu…” di Maria Nivea Zagarella

Iu m’arriordu…

Iu m’arriordu

un munnu… picciriddu:

avìa l’ucchiuzzi

e a vucca zuccarini,

satàa nta l’erva,

si sgargiàa i rinocchia,

sciarri, chianciuti,

joca,

doppu…era crisciutu!

Vutaru i tempi,

 stracanciau lu senzu,

ora  su’ pupi sgreuti e

scannaliati

picciriddi e carusi,

n’ammugghiata,

a panza gghina

e ‘mmizzigghi accattati,

muschitti ‘i strata l’autri

e li fati smirdati…

Si a nnuccenza è svinnuta

e fami e vai

su’ a lavina ri Crtisti (allammicusu

trivulu d’o cori),

pirchì lu suli iardi lu punenti

e a luna annaca stiddi…

e mina u ventu?

Io mi ricordo…- Io mi ricordo/ un mondo…di bambini:/ avevano occhi/ e bocca di zucchero,/ saltavano nell’erba,/ si sbucciavano i ginocchi,/ pianti, litigi,/ giochi,/ dopo…erano cresciuti!/ I tempi si sono capovolti,/ cambiato il senso del vivere,/ ora sono pupazzi smaliziati e/ senza grazia/ fanciulli e ragazzi,/ una informe ammucchiata,/ la pancia piena/ e vezzeggi superpagati,/ mosquitos gli altri/ e le favole smerdate…/ Se l’innocenza è svenduta/ e fame e pene/ sono un diluvio di Cristi (sfinimento e/ tribolo del cuore), perché il sole continua a incendiare il ponente/ e culla la luna le stelle…/ e soffia minaccioso il vento?

(da Memoria e strammarii, 2005)

Note biografiche

Maria Nivea Zagarella

       Maria Nivea Zagarella  nata a Francofonte (SR) nel 1946, laureata in lettere classiche all’Università La Sapienzadi Roma, è stata ordinaria di italiano e latino al Liceo classico Gorgia di Lentini (SR), dove ha insegnato dal 1969 al 2004.

       Ha pubblicato in lingua: Assiomi 81 (poesie,1981); Sequenza (dramma sacro,1988); Variazioni (poesie,1989); La farfalla e il mare (poesie,1992); Jacopo notaro e il laicismo fridericiano (saggio,1994); La lanterna magica (racconti, 2007); Oltre l’isola (saggi, 2007); Dove volano i gabbiani (poesie, 2010); Sussurri (fuori giro) del tramonto (poesie, 2013); Elzeviri (articoli, 2014); Tra rigore e passione – Interventi di critica militante (elzeviri, 2018); Eredità (poesie, 2019); Il tesoro di Rosanna e Francesco (racconto illustrato per ragazzi, 2019).

       In dialetto siciliano: Mbò Larimbò (La Sagra dei misteri, sacra rappresentazione bilingue e Lumiricchi, poesie,1996); Scacciapinzeri (poesie, 1999); Memoria e Strammarii (poesie, 2005); U rologgiu re nichi (poesie, 2010); Forajocu a la cuddata (poesie, 2013); La puisia di Maria Nivea Zagarella/The Poetry of Maria Nivea Zagarella (A trilingual anthology, Sicilian/Italian/English), New York, 2017; Scacciapinzeri (traduzione in spagnolo, Universitad Nacional de Rosario, Argentina, 2018); Ncuntràiu lu mari (poesie, 2019)

       I numerosi articoli e saggi critici scritti dal 2002 al 2021 editi in volume o sparsi su vari periodici, anche online, riguardano autori stranieri, italiani e siciliani in lingua e in dialetto.  Dal 2006 collabora con la pagina culturale del quotidiano La Sicilia di Catania. Il dramma sacro Sequenza è stato rappresentato in scuole e circoli culturali e radiodiffuso da RaiDue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.