I Giovedì della Poesia: “Il Fiore Violato” di Bruno Guidotti

Disegno di Bruno Guidotti

                     Il fiore violato

   Cerca un raggio di sole,

   la sua splendida ninfa.

   La cerca nel folto di un bosco.

   La cerca fra l’erba nascosta.

   La cerca ove un torrente inizia

   il suo corso per andare lontano,

   ove l’attende paziente il suo mare.

   Con l’andare dell’ore, l’ansia cresce nel cuore.

   Si cerca ove restano d’antichi casali ruderi soli.

   Si cerca negli antri e calanchi.

   Si cerca sul colle che dal punto in cui posto,

   veder si può il mare unirsi col cielo.

   Giunta è la notte, non v’è luna e né stelle.

   Tante torce van disperate insieme a richiami.

   C’è timore e speranza, c’è rabbia e pazienza.

   Improvviso un grido nell’aria squarcia il silenzio.

   Una fiamma di torcia dal vento agitata,

   illumina e scorge in un baratro oscuro,

   tra rovi, tra spini, tra arbusti contorti,

   un giovane fiore infangato.

   Il gambo è reciso, la corolla è violata,

   son poveri resti di una donna stuprata.

   Quieto è ora quel bosco:

   il torrente va verso il suo mare,

   solitari e silenti sono quei ruderi antichi,

   e nel luminoso mattino, è tiepido il sole.

L’autore

Bruno Guidotti è un poliedrico autore che rappresenta sempre la vita ed i problemi che questa presenta. Autore di poesie di notevole spessore relative alle varie esperienze umane:  le fatiche, le speranze, i rimpianti, le frustrazioni, le scene di vita. Opere sempre velate di malinconica dolcezza, si fissano all’animo sensibile in maniera indelebile. In relazione ai suoi disegni e ai suoi dipinti, si evidenzia la vibrosità che conferisce dinamismo e notevole movimento alla composizione. Guidotti rifiuta qualsiasi collocamento ad eventuali movimenti stilistici. Alle sue opere dobbiamo avvicinarci liberi da ogni schema mentale, per poterne apprezzare appieno il suo talento

3 thoughts on “I Giovedì della Poesia: “Il Fiore Violato” di Bruno Guidotti

  1. Bella metafora di un fiore reciso il ritrovamento dopo ricerche affannose di una donna stuprata nel corpo e nell’anima versi intensi profondi che arrivano al lettore e toccano il cuore sempre il mio elogio

  2. Bello ed originale il modo di trattare un argomento così struggente , e maledettamente attuale . Va sempre più imputato ad una sbagliata e antiquata non cultura, priva di rispetto e figlia solo della violenza e della crudeltà . Bravo, e molto lo stimato poeta Bruno .

  3. Un raccontare un doloroso episodio lontano ma dalla dolorosa tematica attuale. Versi incalzanti, lucidi, continui che bem rendono l’ansia la speranza. Struggente nella descrizione di una natura silrnziosa che partecipa ad un dolore straziante. Il mio sentito elogio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.