I Giovedì della Poesia: “Il Baratro” di Bruno Guidotti

                               Il baratro

Quando furono del giorno già trascorse le prime

seste ore, e non avendo di lei, la cara voce

ancora udito, foschi pensieri lo presero a turbare,

ed oscuri antri sotto di lui, gelidi si aprirono.

Ansia e paura allora infide lo presero,

e dall’antro fu chiamato ad alta voce,

di cui prese a discendere cauto i viscidi gradini,

poggiando alle umide pareti le tremanti mani.

Ivi in insolito luogo, disperso vagava dolendo,

e si tristava, credendo di udire delle prefiche

il lamentoso e falso pianto, e la sconvolta mente

allor volgeva altrove, ed ebbe silenzio senza più confini.

Così, trascorse spinoso in tal scenario il tempo,

ombre striscianti ed abbaglianti luci

si susseguivano veloci, or dando pena, ed ora pace.

Infine: l’attesa voce, e con essa la fine della pena,

e dal buio fiorì immensa una distesa, e là,

ella apparve sorridente, luminosa, serena,

 e l’incubo disciolse, ed alla luce, si volse il giorno.

Bruno Guidotti è un poliedrico autore che rappresenta sempre la vita ed i problemi che questa presenta. Autore di poesie di notevole spessore relative alle varie esperienze umane:  le fatiche, le speranze, i rimpianti, le frustrazioni, le scene di vita. Opere sempre velate di malinconica dolcezza, si fissano all’animo sensibile in maniera indelebile. In relazione ai suoi disegni e ai suoi dipinti, si evidenzia la vibrosità che conferisce dinamismo e notevole movimento alla composizione. Guidotti rifiuta qualsiasi collocamento ad eventuali movimenti stilistici. Alle sue opere dobbiamo avvicinarci liberi da ogni schema mentale, per poterne apprezzare appieno il suo talento.

5 thoughts on “I Giovedì della Poesia: “Il Baratro” di Bruno Guidotti

  1. Un narrare angoscioso un momento in cui una persona manca oltre alla descrizione dettagliata dell evento un assimilarla ad un momento di smarrimento di una persona all interno della coppia. Mancanza, dolore sgomento descritti in modo mirabili. Molto apprezzato

  2. Angoscia ansia in questa lirica che arriva al cuore non sentire la voce amata cercarla disperatamente sino alla fine per ritrovarla per poterla riascoltare
    Versi che lasciano con il fiato sospeso ….bruno sa come coinvolgere il lettore elogio

  3. Che brutta sensazione non sentire la voce cara che sei abituato a sentire al risveglio. È un attimo di panico che pare durare un’ eternità. E i versi di Bruno ti fanno precipitare in quell’ attimo buio e senza fine in cui non vedi appiglio per risalire dal pozzo nero della paura
    Poi, la voce arriva e con essa, la luce.

  4. Molto intensa La Poesia del Bravo Poeta Bruno . Attimi di Paura e di Ansia Che Fanno Trattenere il Fiato . Fino a Quando Tutto Tende a Normalizzarsi . Stati di inquietudine Che Ci Riguardano un Po’ Tutti , Chi Prima e Chi Poi .

  5. Questa del versatile poeta Bruno Guidotti è una poesia molto toccante che provoca molta ansia nella persona del nostro protagonista non sentendo più la voce della persona amata. Il Guidotti è un maestro nel comporre questo genere di poesie che mettono in luce i veri sentimenti delle persone. Comunque dovremmo essere tutti grati al nostro bravissimo artista perché se è vero quello che dice R. Battaglia ” la poesia aiuta il cuore a non invecchiare” per tanto grazie di cuore all’esperto Bruno Guidotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.