I Giovedì della Poesia: “Capu r’annata” di Maria Nivea Zagarella

Capu r’annata

Spiramu ca trasi

ccu lu peri rittu l’annu ca veni

-diceva l‘anticu-  spiramu…

Spiramu

ca  a genti ca fuj pistata,

ca mori nt’o mari anniata,

d’a verra scannata,

s’attrova… na strata.

Spiramu

ca a paci nni quagghia nt’e manu

e latti mungemu

e meli a cannati.

Spiramu

ca l’annu riali ’bbunnanza

a cu casa nun teni

e u travagghiu cci ammanca,

li poviri Cristi ca sgumma la fami

e strica a migghiara migghiara d’annati,

furesti abbruciati, sucatu ccu l’acqua

r’e storti u frummentu, li storti ca a cantru

ri porcu cangiaru la Terra.

Spiramu

ca a un figghiu nascennu, criscennu,

-ma tutti su’ figghi nascennu, criscennu,

la ucca di rosa, ducizza li carni,

‘mmiscottu lu cantu ca canta nt’i l’occhi-

ammenu cci arresta na fedda ri celu

ppi sentiri ‘n pettu ca è Omu

e nun farisi zeru.

(da Scacciapinzeri, 1999)

Capodanno-  Speriamo che entri/ con il piede diritto l’anno che viene/ -diceva l’antico- speriamo…// Speriamo/ che la gente che fugge pestata,/ che muore nel mare annegata,/ dalla guerra scannata,/ si trovi…una strada.// Speriamo / che la pace ci cagli nelle mani,/ e latte mungiamo/ e miele a boccali. // Speriamo/ che l’anno regali abbondanza/ a chi casa non ha/ e il lavoro gli manca,/ i poveri Cristi che sgorbia la fame,/ soprusi a migliaia migliaia di annate,/ foreste bruciate, rubato con l’acqua/ da stolti malvagi il frumento, gli stolti malvagi/ che a fogna di porco cangiato hanno la Terra.// Speriamo/ che a un figlio nascendo, crescendo,/ -ma tutti sono figli nascendo, crescendo,/ la bocca di rosa, dolcezza le carni,/ biscotto il canto che canta negli occhi- / almeno gli resti una fetta di cielo/ per sentire in petto che è Uomo …/ e non farsi uno zero.   

Note biografiche

Maria Nivea Zagarella

Maria Nivea Zagarella  nata a Francofonte (SR) nel 1946, laureata in lettere classiche all’Università La Sapienzadi Roma, è stata ordinaria di italiano e latino al Liceo classico Gorgia di Lentini (SR), dove ha insegnato dal 1969 al 2004.

Ha pubblicato in lingua: Assiomi 81 (poesie,1981); Sequenza (dramma sacro,1988); Variazioni (poesie,1989); La farfalla e il mare (poesie,1992); Jacopo notaro e il laicismo fridericiano (saggio,1994); La lanterna magica (racconti, 2007); Oltre l’isola (saggi, 2007); Dove volano i gabbiani (poesie, 2010); Sussurri (fuori giro) del tramonto (poesie, 2013); Elzeviri (articoli, 2014); Tra rigore e passione – Interventi di critica militante (elzeviri, 2018); Eredità (poesie, 2019); Il tesoro di Rosanna e Francesco (racconto illustrato per ragazzi, 2019).

In dialetto siciliano: Mbò Larimbò (La Sagra dei misteri, sacra rappresentazione bilingue e Lumiricchi, poesie,1996); Scacciapinzeri (poesie, 1999); Memoria e Strammarii (poesie, 2005); U rologgiu re nichi (poesie, 2010); Forajocu a la cuddata (poesie, 2013); La puisia di Maria Nivea Zagarella/The Poetry of Maria Nivea Zagarella (A trilingual anthology, Sicilian/Italian/English), New York, 2017; Scacciapinzeri (traduzione in spagnolo, Universitad Nacional de Rosario, Argentina, 2018); Ncuntràiu lu mari (poesie, 2019)

I numerosi articoli e saggi critici scritti dal 2002 al 2021 editi in volume o sparsi su vari periodici, anche online, riguardano autori stranieri, italiani e siciliani in lingua e in dialetto.  Dal 2006 collabora con la pagina culturale del quotidiano La Sicilia di Catania. Il dramma sacro Sequenza è stato rappresentato in scuole e circoli culturali e radiodiffuso da RaiDue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.